Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
26 mag 2022

Ex Marconi, polemica dopo il rogo "Quando sarà messa in sicurezza?"

26 mag 2022

"Dopo dieci anni di immobilismo e dopo aver negato che l’ex Marconi sia un problema c’è voluto un incendio per portare sindaco e assessori in piazza a vedere le condizioni di degrado dell’ex scuola. Speriamo che adesso facciano qualcosa per la messa in sicurezza di quel luogo". I danni dell’incendio che martedì sera ha distrutto alcune aule del secondo piano dell’ex scuola elementare Marconi di Pero sono visibili anche dall’esterno. Pareti annerite e danneggiate (nella foto), serramenti distrutti e odore di fumo acre. La rabbia dei cittadini che da anni chiedono interventi torna a farsi sentire a distanza di una settimana dalla foto dei panni stesi alle finestre, conferma concreta che oltre al degrado e all’abbandono, l’ex Marconi è diventata la dimora abusiva di qualche senzatetto. L’amministrazione comunale è "in attesa dei verbali ufficiali che verranno redatti dai vigili del fuoco e dai carabinieri", per capire le cause dell’incendio. Le forze dell’ordine hanno trovato diversi rifiuti e altri oggetti che indicano l’utilizzo dello spazio e anche martedì sera dopo lo spegnimento del rogo sono state viste due persone introdursi nella struttura, subito intercettate e allontanate dai carabinieri. Una cosa è certa, le transenne messe su un lato dell’ex scuola non bastano più, neppure le assi di legno alle finestre del piano terra e i lucchetti al cancello sul retro. "Quelle misure per evitare intrusioni sono state messe almeno quattro-cinque anni fa, quando ero ancora assessore. È una vergogna che nonostante proteste dei cittadini e richieste delle forze politiche non sia stato fatto nient’altro per evitare intrusioni", commenta Daniela Bossi che oggi siede tra i banchi della minoranza in consiglio comunale.

Alle polemiche risponde il sindaco Maria Rosa Belotti: "Di recente, erano stati rilevati segnali di intrusione e manomissioni nelle recinzioni, tanto che avevamo programmato la sistemazione delle stesse e nuovi interventi per contrastare l’accesso anche con controlli più frequenti e mirati. Le misure intraprese sono finalizzate a gestire la situazione nell’immediato, ma è già prevista la demolizione dell’edificio nel corso del 2023 con riqualificazione dell’intera area – spiega il primo cittadino –. L’area è al centro di un progetto recentemente finanziato con i fondi del Pnrr, che prevede la realizzazione di un nuovo polo culturale".

Roberta Rampini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?