Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Milano, via alla demolizione dell’ex Karma. Diventerà un parco per musica e sport

Al posto della storica discoteca nasceranno arene, piscina e campi da padel entro l’estate del 2023

giulia bonezzi
Cronaca
Un rendering del progetto di riqualificazione dell'ex Karma
Un rendering del progetto di riqualificazione dell'ex Karma

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - È arrivato il momento di demolire il Karma, scrivendo il finale di una storia di movida milanese a modo suo gloriosa ma anche piena di ombre, risse e sospensioni della licenza, undici anni fa un sequestro seguito da amministrazione giudiziaria, infine la chiusura ultima delle danze, nel 2017. Le sale da ballo sopravviveranno solo nella memoria di tanti milanesi che erano ragazzi negli anni Novanta: il futuro dell’ex Parco delle Rose, poi Karma-Borgo del tempo perso, cittadella del divertimento alle spalle di piazzale Corvetto, non contempla più locali ma campi di padel, piscina, spazi per spettacoli e mercato contadino.

Dopo le bonifiche dall’amianto dei mesi scorsi, le demolizioni del fabbricato dismesso e fatiscente che fu il Borgo-Karma inizieranno nei prossimi giorni e dureranno circa un mese, fa sapere il Comune che ha ereditato quest’area dal Consorzio del Canale Milano-Cremona-Po, e dopo anni di cause è riuscito ad acquisirla e farne l’oggetto di un bando che a luglio dell’anno scorso è stato vinto dal progetto della società SocialMusicCity, alla quale è stata conferita la concessione in diritto di superficie per trent’anni su tutti e trentamila i metri quadri. Il progetto prevede di realizzare un "Parco della musica" con una grande piazza, una tensostruttura con spazi per la didattica utilizzabili anche come camerini, una piscina con un anfiteatro all’aperto di circa 3.700 metri quadrati adatti a ospitare eventi culturali, spettacoli e concerti, ma anche campi da padel con gli spogliatoi, un’area espositiva di circa 600 metri quadrati da dare in concessione a Coldiretti per il suo mercato e una zona verde con la piantumazione di nuovi alberi, in particolare tigli, prato e siepi. Il complesso avrà in tutto 6.100 metri quadrati di edifici e i 200 posti auto previsti saranno creati ma non più in un unico parcheggio, come nel progetto originario, bensì disseminati e integrati con gli spazi verdi circostanti.

Il programma dei lavori prevede di realizzare prima la tensostruttura, poi il parco, i campi da padel e la piscina, e di concludere l’opera entro l’estate del 2023. L’assessore comunale alla Rigenerazione urbana Giancarlo Tancredi sottolinea come questo futuro Parco della musica sia collocato nel quadrante Sud-Est della città, "quello che nei prossimi anni sarà più interessato a profondi cambiamenti. Tra il quartiere Corvetto, Santa Giulia, Porta Romana e il parco di Porto di Mare sono molte le zone sulle quali si è progettato, dalle opere olimpiche al nuovo Campus del Conservatorio, solo per citare alcuni interventi, e molte anche quelle in cui si sta già lavorando, come nel caso delle bonifiche dei terreni in atto per la realizzazione del PalaItalia e del Villaggio olimpico. La rinascita dell’ex Karma, quindi, si inserisce in questo contesto di profonda trasformazione e senza dubbio potrà contribuire alla rigenerazione dell’area nel suo complesso". 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?