Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 apr 2022

Milano, entro l’anno il via ai lavori in Bovisa: nei gasometri microsensori e sport

Le due strutture industriali ospiteranno i laboratori della STMicroelectronics e un centro con piscina e palestra

13 apr 2022
giambattista anastasio
Cronaca

di Giambattista Anastasio Partiranno entro la fine dell’anno in corso i lavori di riqualificazione del parco dei gasometri, al quartiere Bovisa. A garantirlo sono stati, ieri, il rettore del Politecnico, Ferruccio Resta, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’assessore comunale alla Rigenerazione Urbana, Giancarlo Tancredi, e l’assessore regionale allo Sviluppo della Città Metropolitana, Stefano Bolognini, in occasione della presentazione, a Palazzo Lombardia, dell’accordo di programma che disciplinerà l’intervento sull’area. Un progetto suggestivo, quello messo a punto dal Politecnico e condiviso con Regione e Comune. In estrema sintesi: l’area si porrà al tempo stesso come parco pubblico aperto a tutti e come campus dell’ateneo. Le strutture dei due gasometri che caratterizzano l’area, ormai in disuso da decenni, saranno preservate e recuperate. Un primo gasometro ospiterà infatti un centro sportivo di diecimila metri quadrati suddivisi su tre piani: uno ospiterà una piscina, un altro una palestra, il terzo uno spazio versatile e multifunzionale. Nel secondo gasometro saranno ospitate, invece, le Camere Bianche della multinazione italo-francese STMicroelectronics, vale a dire: i laboratori dove saranno realizzati microsensori. Sette i piani, in questo caso, per un totale di 15mila metri quadrati. Quindi ecco il trasferimento sull’area del Polihub, l’incubatore del Politecnico che in questo momento conta 120 tra imprese e start-up e 700 persone che vi lavorano. Il costo dell’intervento di rigenerazione ammonta ad oltre 90 milioni di euro, la Regione ne metterà 20 attraverso il Piano Lombardia. L’obiettivo è chiudere i cantieri entro il 2026, non solo e non tanto l’anno delle Olimpiadi Invernale, ma soprattutto l’anno imposto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) come orizzonte temporale degli interventi da esso finanziati. "Non è più sufficiente essere un’università di qualità – ha fatto sapere Resta –, ma bisogna essere inseriti in una trasformazione dell’ateneo per attrarre studiosi, ricercatori e studenti da tutto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?