Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 gen 2022

Covid, i contagi in Lombardia scendono ai livelli di Natale

Continua il calo dei ricoverati, nei reparti scendono sotto il 33% dei letti

24 gen 2022
giulia bonezzi
Cronaca
featured image
Tamponi
featured image
Tamponi

Milano, 24 gennaio 2022 - Erano 21.700 i nuovi contagi da coronavirus in ventiquattr’ore certificati dal bollettino di ieri in Lombardia: un altro numero senza precedenti prima dello scorso Natale, quando sulla quarta ondata partita a variante Delta s’è innestata la variabile Omicron, ma è anche il numero più basso registrato in una giornata non post-festiva (che dunque non sconta rallentamenti dei tamponi effettuati il giorno precedente) in quasi un mese, cioè proprio dal 25 dicembre, quando nella nostra regione si scoprirono 17.332 nuovi positivi con 220.284 test. Da allora, la Lombardia (così come l’Italia e tutti i Paesi investiti dal “booster” Omicron) ha bruciato un record dietro l’altro, sfondando il tetto dei cinquantamila nuovi contagiati per tre giorni tra il 4 e il 6 gennaio e toccando i 578.257 lombardi contemporaneamente positivi al virus (quasi un terzo di tutti quelli registrati sino a quel momento in pandemia) il 13 gennaio, appena dieci giorni fa. Ieri, i lombardi attualmente positivi al virus erano oltre centomila di meno: 465.215, in calo di 18.333 nelle ultime ventiquattr’ore, di cui 461.552 in isolamento domiciliare e 3.663 ricoverati in ospedale. Non molti meno dei 3.709 pazienti Corona che si contavano negli ospedali lombardi dieci giorni prima, ma è un fatto che questa quarta ondata, la prima affrontata con lo scudo delle vaccinazioni di massa, nonostante i contagi spinti da Omicron a numeri mai visti in 23 mesi di pandemia non si è mai neanche avvicinata alla pressione sul sistema sanitario delle tre precedenti: 1.500 persone col Covid in terapia intensiva e altre dodicimila nei reparti all’apice della prima ondata (Pasqua 2020); novemila ricoverati di cui quasi mille in rianimazione allo zenit della seconda, novembre 2020, e quasi ottomila, di cui quasi 900 in terapia intensiva, appena quattro mesi dopo con la terza ondata, la prima ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?