Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Milano, l’ultima frontiera della criminalità è l’e-commerce

Inibiti 461 siti internet Nella regione scovati quasi 58mila chili fuori dagli spazi doganali

andrea gianni
Cronaca
featured image
Guardia di finanza

Milano, 30 aprile 2022 - Con la pandemia i trafficanti si sono riorganizzati: ora sfruttano anche il web per un “e-commerce“ delle sigarette di contrabbando, come dimostra l’inibizione di 464 siti internet da parte dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli perché contenevano "offerta di tabacchi lavorati o di prodotti liquidi da inalazione senza combustione vietati". E un fiume di “bionde“ continua ad arrivare in Italia attraverso gli aeroporti lombardi. Sigarette provenienti dalla Cina, dal Medio Oriente dai Paesi dell’Est Europa o dal Nordafrica, nascoste nei bagagli dei passeggeri o spedite nelle aree cargo degli scali. Milano si conferma un polo logistico per smistare i tabacchi illeciti importati in Italia via nave - attraverso i porti di Genova, Napoli o Trieste - caricati su camion e destinati a una distribuzione capillare nelle piazze.

Il sequestro della fabbrica clandestina a Bernate Ticino, nell’ambito di un’inchiesta della Guardia di finanza, apre però secondo gli investigatori scenari nuovi, con una produzione “chilometro zero“. E conferma il ruolo della criminalità organizzata, che controlla un business milionario. Proviene infatti dal mercato illecito il 3,4% delle sigarette fumate in Italia, con picchi più alti in regioni come la Campania e il Friuli Venezia Giulia. I sequestri sono solo una goccia nel mare.

In Lombardia, secondo gli ultimi datti dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli relativi al 2020, sono stati sequestrati in un anno 84.847 pacchetti di sigarette, pari a 1.050 chili di tabacco sfuso, all’interno degli spazi doganali, principalmente gli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio al Serio. In tutto 208 verbali di sequestro. La quantità più ingente è stata sequestrata però fuori dagli spazi doganali: 57.801 chili di tabacco in Lombardia, con 70 verbali di sequestro. Casse di sigarette caricate, nella maggior parte dei casi, su camion fermati per i controlli. Nel 2021 e nei primi mesi del 2022 si registra un aumento, perché anche traffici e controlli sono tornati alla normalità pre-Covid.

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?