L’emergenza Coronavirus bloccò i concorsi, dall’estate la ripartenza, oggi, finalmente, i nuovi agenti di polizia locale in arrivo. Due, per ora, destinati a Bussero e Cassina de’ Pecchi, entrambi (con Pessano con Bornago) aderenti alla polizia locale Centro Martesana. "Ne servirebbero molti altri, e in tale senso continueremo a lavorare nei...

L’emergenza Coronavirus bloccò i concorsi, dall’estate la ripartenza, oggi, finalmente, i nuovi agenti di polizia locale in arrivo. Due, per ora, destinati a Bussero e Cassina de’ Pecchi, entrambi (con Pessano con Bornago) aderenti alla polizia locale Centro Martesana. "Ne servirebbero molti altri, e in tale senso continueremo a lavorare nei prossimi mesi. Ma coordinamento, sinergia e impiego della tecnologia ci consentono un monitoraggio adeguato". Così l’assessore alla Sicurezza di Cassina, comune capofila del corpo di vigilanza, Gianluigi De Sanctis, in seno alla presentazione del Documento unico di programmazione del Comune, presentato in consiglio comunale. Il corpo di polizia locale Centro Martesana esiste ormai da qualche anno, e va rinforzandosi. "Implementare l’organico resta il nostro obiettivo prioritario. I primi agenti entrano ora, speriamo di poter operare altri reclutamenti". Con i nuovi ingressi si arriva a 18 agenti più il comandante sul territorio di tre comuni. "Considerando che la competenza è su un bacino di 36mila abitanti, e stando ai parametri da normativa, dovremmo, a rigore di calcolo matematico, avere 35 unità. Siamo evidentemente lontani, ma ripeto, speriamo gradualmente di implementare". La convenzione fra i tre comuni è stata rinnovata solo nei mesi estivi. Modifiche soprattutto sul fronte burocratico e di gestione economica, "gli obiettivi sono immutati". Fra i progetti in corso quello di implementazione delle tecnologie e dei sistemi di videosorveglianza: telecamere di nuova generazione sono in via di posa nelle zone critiche dei comuni e ai varchi d’accesso agli abitati. "L’unione delle forze resta comunque l’unico modo con cui garantire adeguato servizio anche sul fronte sicurezza". M.A.