Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fiumi di droga a San Siro, il capo ultras del Milan Luca Lucci patteggia un anno e mezzo

Il 37enne è stato arrestato a giugno con altre 21 persone: erano stati sequestrati 600 chili di droga

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 18:00
Luca Lucci, il capo ultrà finito in carcere

Milano, 12 settembre 2018 - Luca Lucci, capo ultras della curva sud del Milan, ha patteggiato la pena di un anno e mezzo di reclusione nell'ambito di un'inchiesta su due traffici di droga, coordinata dal pm di Milano Andrea Fraioli e dal procuratore aggiunto Laura Pedio. Il 37enne, arrestato nel giugno scorso assieme ad altre 21 persone, è stato scarcerato di recente ed è ora libero. Per altre quattro posizioni il gip di Milano ha applicato, su richiesta delle parti, pene fino a 2 anni e 4 mesi. Altri 13 imputati hanno scelto, invece, il rito abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo sulla pena) e per loro il processo inizierà il prossimo 15 ottobre.

Nell'ambito dell'inchiesta erano stati sequestrati 600 chili di droga tra hashish, marijuana e cocaina. Tra gli arrestati c'era anche il 60enne Massimo Mandelli, dipendente di una società di steward e in servizio in occasione di tutte le partite dell'Inter. Una delle basi al centro del traffico di droga era in via Sacco e Vanzetti a Sesto San Giovanni (Milano), precisamente davanti «Al Clan», la sede del tifo ultras del Milan. Nelle intercettazioni si parlava in diverse occasioni di «Luca» e la telecamera installata di fronte all'ingresso aveva ripreso Lucci mentre pagava i corrieri che gli consegnavano grossi carichi di droga, in arrivo soprattutto dai Balcani, ma anche da Spagna e Sud America. Quella stessa telecamera era stata scoperta e distrutta dall'ultrà, che però sospettava un monitoraggio legato alla sua attività di capo della tifoseria.

Oltre ad avere diversi precedenti per reati sportivi (è destinatario di Daspo) è stato condannato in passato per l'aggressione a Virgilio "Virgi" Motta, l'interista che nel corso del derby Milan-Inter del 15 febbraio 2009 allo stadio Meazza aveva perso un occhio a causa di un pugno.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.