Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 lug 2022

Ex comandante della polizia locale mise droga nell’auto della collega, chiesti 7 anni

Le richieste della Procura nei confronti di Salvatore Furci

13 lug 2022
anna giorgi
Cronaca
Trezzano s/n. Salvatore Furci, ex comandante della Polizia locale arrestato 3 mesi fa - Per metropoli - 14 luglio 2021 - foto Spf/Ansa
Salvatore Furci, ex comandante della polizia locale di Trezzano sul Naviglio
Trezzano s/n. Salvatore Furci, ex comandante della Polizia locale arrestato 3 mesi fa - Per metropoli - 14 luglio 2021 - foto Spf/Ansa
Salvatore Furci, ex comandante della polizia locale di Trezzano sul Naviglio

La Procura ha chiesto di condannare a 7 anni e 4 mesi di reclusione e a 50 mila euro di multa Salvatore Furci, ex comandante della Polizia locale di Trezzano sul Naviglio, nel Milanese, imputato per aver fatto piazzare, nel gennaio 2020, da un complice cinque dosi di cocaina nell’auto di Lia Vismara, comandante della Polizia locale di Corbetta. Il gesto l’avrebbe fatto per vendicarsi, è questa l’ipotesi, che starebbe alla base del suo licenziamento A proporre la pena, davanti alla quarta sezione del Tribunale, nel corso del processo in cui sono contestati la calunnia e la detenzione di droga, è stato il pm Gianluca Prisco, titolare delle indagini, il quale ha chiesto di non riconoscere le attenuanti generiche in quanto "il fatto è di una gravità inaudita". Il pubblico ministero, ha sottolineato come in questa vicenda chi ha "indossato la divisa con lealtà e onesta è Lia Vismara", che si è costituita parte civile. E che oltre a lei, "hanno indossato la divisa con onore anche gli uomini della squadra mobile che hanno fatto un’indagine partendo da zero e portando alla luce la vera trama di questa storia". "Per me – ha detto la Vismara – è stato un periodo molto difficile, ho dovuto affrontare una sequela di articoli, lo scherno dei cittadini e molte difficoltà". Lo ha sussurrato, in lacrime commuovendosi in aula.Il sostituto procuratore, prima della richiesta di condanna, ha sottolineato come l’imputato non meriti le attenuanti generiche in quanto "è un fatto gravissimo aver messo la droga in auto e aver calunniato Lia Vismara solo per questioni lavorative". In aula c’era anche l’ex comandante e il fratello Francesco, il quale, risentito, ha detto: "Tutto questo è una farsa contro mio fratello. La verità verrà fuori. Abbiamo raccolto prove che metteremo su internet". Il legale di parte ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?