Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fiumi di droga a San Siro, linguaggio criptico e nomignoli inventati: ecco gli sms

Comunicazione alternativa tra spacciatori: "Ho già le polizze di mia cugina"

di NICOLA PALMA
Ultimo aggiornamento il 6 giugno 2018 alle 12:35
Luca Lucci, il capo ultrà finito in carcere

Milano, 6 giugno 2018 - Un giro vorticoso di schede telefoniche, rigorosamente intestate a utenti fantasma. E un linguaggio in codice con parecchie varianti da decriptare. Elementi ormai diventati costante nelle indagini sugli spacciatori di droga, consapevoli del rischio di essere ascoltati dalle forze dell’ordine e perennemente alla ricerca di termini fantasiosi per definire soldi e droga. È il caso pure dell’operazione Mongolfiera del commissariato Centro, che ha smantellato un’organizzazione in grado di smerciare quintali di hashish e marijuana sulla piazza milanese: 22 le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip Giovanna Campanile su richiesta dell’aggiunto Laura Pedio e del pm Andrea Fraioli, al termine di un’indagine andata avanti per un anno e mezzo. Al di là degli imponenti quantitativi di stupefacente sequestrati in corso d’opera (più di 600 chili in varie tranche) e del coinvolgimento di nomi noti come il capo ultrà della Curva sud rossonera Luca Lucci, quello che salta all’occhio è proprio il contenuto delle conversazioni tra fornitori, grossisti e pusher.

Prendete ad esempio lo scambio di sms tra Raffaele Diana e il presunto capo Daniele Panizza intercettato il 29 maggio 2016. «Ciao amore – esordisce il primo – ho bisogno per favore che mi compri un telefono per me e uno per mio figlio, non so più dove andare e quello che ho è vecchio e usurato». Il secondo replica: «Ok amore mio, però prima di lunedì sera non riesco...». E ancora: «Ok, io ho già le polizze di mia cugina in mano e domani ti dico per le altre...». Risposta: «Ok, appena mi libero ti scrivo». Per gli investigatori, le «polizze» non sono altro che i soldi da mettere insieme per acquistare droga. E giova aggiungere un particolare: Panizza era finito in cella non più tardi di due mesi prima, trovato in possesso di mezzo chilo di marijuana; un arresto che evidentemente non lo ha minimamente impensierito. In un’altra intercettazione captata dalla polizia, Diana parla con il complice Massimo Mandelli, il 59enne ex capo degli steward volontari dell’Inter e candidato nella lista appoggiata da CasaPound a Cerro Maggiore: i due si accordano sul trasporto di una imponente partita di droga, 20 chili, da Senago a Vimodrone. Al telefono, i 20 chili vengono indicati così: «Hai guardato che la cottura era giusta di 20 minuti?», chiede Diana. Che un quarto d’ora dopo, non avendo ricevuto risposta, incalza: «Sì o no... devo saperlo ora».

Alla fine, lo spostamento della merce va a buon fine. Tutti si attengono alla comunicazione alternativa, pure le seconde linee che di volta in volta contattano Panizza. Prendete i messaggi del 10 giugno 2016. Il 35enne si rivolge così all’interlocutore non identificato: «È proprio una stronza! Voglio proprio vedere venerdì prossimo dove mi porta! Mi sa che prima di agosto dobbiamo organizzarle una bella cena a sorpresa!». Risposta: «Assolutamente... comunque tu sei tranquilla...vedrai che ti porta all’altare...sono io che mi preoccupo... sto diventando vecchia...». Cosa vuol dire? Per gli inquirenti, i due «alluderebbero a una situazione di contrasto con un cliente». 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.