Il rapper DrefGold
Il rapper DrefGold

Milano, 25 agosto 2019 - Notte in camera di sicurezza per il giovane rapper milanese DrefGold, 22 anni. Arrestato venerdì sera perché in casa la polizia gli ha trovato un etto di marijuana e 12 mila euro in contanti, ieri mattina è comparso all’udienza di convalida in tribunale e alla fine è tornato in libertà con l’obbligo bi-settimanale di firma in attesa del processo fissato per settembre. «E’ un consumatore di cannabis e la sostanza era per suo uso personale», lo ha difeso davanti al giudice il suo avvocato Niccolò Vecchioni. Per l’accusa, il denaro sarebbe provento di spaccio. «Abbiamo depositato i contratti da cui risulta che il ragazzo è molto ben retribuito per la sua attività musicale e non ha certo bisogno di vendere marijuana», sostiene invece il suo legale. Deciderà fra due settimane il giudice Sandro Saba, che per ora ha mantenuto l’accusa di spaccio.

Stando al sito rockit.it, DrefGold, all’anagrafe Elia Specolizzi, origini pugliesi, dopo i primi passi con la crew Boombap Haze, si è unito al collettivo Pro Evolution Joint. Nel 2016 ha registrato il suo primo mixtape “Kanaglia”, composto da 34 brani, e l’anno successivo ha firmato con Universal ed è stato contattato da Sfera Ebbasta e Charlie Charles con cui ha collaborato nel brano “Sciroppo” e con Capo Plaza in “Tesla”. L’anno scorso è uscito il suo album solista “Kanaglia”, pubblicato da Universal e dalla nuova etichetta di Sfera Ebbasta e Charlie Charles, Billion Headz Music Group.

Tre giorni fa DrefGold si era esibito a Brescia alla festa di Radio Onda d’urto e l’altra sera era atteso nel Salento. Invece ad una certa ora alcuni residenti nella zona in cui vive il rapper a Pero, hinterland milanese, hanno più volte telefonato alla polizia lamentando la presenza sotto casa di DrefGold di un gruppo di ragazzi piuttosto agitati. «Erano solo amici e fan», ha spiegato il suo avvocato. Gli agenti hanno invece sospettato che in ballo non ci fosse solo la passione per la musica e così hanno perquisito l’abitazione del giovane, trovando la sostanza stupefacente.

Dopo l’arresto in flagraza disposto dal pm di turno Alessia Menegazzo, il rapper è finito in Questura dove ha trascorso la notte. Ieri mattina, nel corso dell’udienza di convalida, DrefGold ha risposto alle domande del giudice Saba spiegando per l’appunto di essere un consumatore abituale di cannabis e negando di aver venduto marijuana. Il tribunale ha convalidato l’arresto e anche l’accusa di spaccio, disponendo però il solo obbligo di firma per lui e non gli arresi domicilairi chiesti dal pubblico ministero d’udienza.