Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Domani giura il neo procuratore Marcello Viola, primo "straniero" dopo mezzo secolo

Nei ’70 l’ultimo capo Ufficio da un altro distretto. Breve “reggenza“ a Tiziana Siciliano

Giura domani il nuovo procuratore della Repubblica Marcello Viola. Mezzo secolo dopo l’ultimo capo dell’ufficio proveniente da un altro distretto (in quell’inizio anni ’70 fu Giuseppe Micale ex capo a Novara) Viola arriva dunque a interrompere una tradizione di procuratori scelti tra chi era già in servizio a Milano. L’ultimo è stato Francesco Greco, in pensione da novembre ma dopo un quinquennio in cui la Procura si è spaccata come non mai al proprio interno e con clamorose ricadute in termini di pm milanesi indagati a Brescia per ragioni diverse.

Viola, 65 anni, siciliano, attualmeente procuratore generale di Firenze, è stato nominato dal Csm con il voto in blocco di tutti i componenti non togati. Avrà il non facile compito di provare a ricomporre il tessuto connettivo dell’ufficio. Dopo il giuramento, il nuovo procuratore dovrebbe essere in ferire per una decina di giorni, durante i quali la Procura sarà retta per la prima volta da una donna, il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?