Quotidiano Nazionale logo
27 feb 2022

Dodici giovani autistici in viaggio “Sul sentiero blu“

Il film di Vacis arriva nelle sale: 200 chilometri lungo la via Francigena contro i pregiudizi e per allenare le emozioni

I protagonisti del cammino e del progetto Con-tatto promosso da Roberto Keller ripreso dalla telecamera di Gabriele Vacis
I protagonisti del cammino e del progetto Con-tatto promosso da Roberto Keller ripreso dalla telecamera di Gabriele Vacis
I protagonisti del cammino e del progetto Con-tatto promosso da Roberto Keller ripreso dalla telecamera di Gabriele Vacis

Dodici ragazzi autistici e un team scientifico in viaggio: duecento chilometri in nove giorni, verso Roma, lungo l’antica via Francigena, “Sul sentiero blu“. Il film-documentario di Gabriele Vacis arriva domani nelle sale. All’Anteo, alle 19.30, sarà accompagnato anche da esperti, mercoledì all’Ariosto (alle 19) e al Beltrade (alle 21.30) ci saranno il regista, il produttore Michele Fornasero e Roberto Keller, direttore del centro regionale per i disturbi dello spettro dell’autismo in età adulta dell’Asl Città di Torino, che ha seguito il progetto “Con-tatto“. Si è messo in viaggio con i ragazzi e con la troupe affiatatissima di Vacis: "Tengo molto alla sensibilità degli operatori, che devono essere in grado di ’scomparire’ pur restando vicini – racconta il regista –. Questo ci permette di cogliere delle verità. I ragazzi autistici sono refrattari all’ipocrisia, alla falsità. Non è vero che non cercano il rapporto con gli altri, come molti credono, ma sono selettivi, hanno bisogno di rapporti sinceri". “Sul sentiero blu“ si sfatano falsi miti e pregiudizi, si cerca l’autenticità. "Non c’è alcun diaframma – continua Vacis –. Il dottor Keller, che ha seguito tutto il progetto, spiega come si cerchi di insegnare loro a recitare un ruolo con le convenzioni sociali, per rendere la vita più ’facile’, ma lasciandoli liberi nelle loro stereotipie". Nel cammino si colgono le emozioni, i cedimenti, i momenti più leggeri. Si ride (tanto), ci si commuove. Si imparano a gestire le emozioni e ci si allena ad adattarsi all’ambiente, per essere più indipendenti. "Si scopre che Gimmi non cammina mai, ma danza continuamente, per esempio – racconta il regista –, abbiamo voluto far vedere i momenti straordinari in tutti i sensi, quelli di gioia, di bellezza e la giornata più dura, quando pensavano di non farcela e di tornare a casa". Ma sono arrivati al traguardo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?