Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 giu 2022

Minacce choc al custode sociale. "E ora Aler mi lascia senza lavoro"

Scritte contro di lui in via Zamagna: "Sei morto", "Tua figlia nel forno". Il contratto non gli sarà rinnovato

15 giu 2022
giambattista anastasio
Cronaca
featured image
Il custode sociale
featured image
Il custode sociale

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Tre mesi fa , per l’esattezza il 22 marzo scorso, aveva ricevuto promesse di supporto e parole di solidarietà da parte delle istituzioni: il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, lo aveva chiamato al telefono, mentre dal Comune avevano provveduto a fornirgli i contatti dell’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli. Oggi Giuseppe è praticamente disoccupato: il suo contratto di lavoro terminerà il 21 giugno – tra 6 giorni – ma gli è già stato comunicato tramite mail che dovrà restituire il badge e il cellulare aziendale. "Mi hanno scaricato – dice lui, deluso e arrabbiato –. Sono stato insultato, minacciato, aggredito, ho rischiato la vita per 5 euro netti all’ora e ora mi lasciano solo. Oltre a me, le istituzioni stanno lasciando soli anche gli inquilini per bene, quelli che nonostante tutto pagano l’affitto e rispettano le regole". Giuseppe è il custode sociale di via Zamagna 4, caseggiato popolare nel quartiere di San Siro gestito da Aler. Proprio il custode sociale che a marzo aveva fatto notizia, suo malgrado. Il suo incarico è iniziato il 21 di quel mese e il 22 sembrava già terminato. Uno sgombero delle cantine avvenuto in concomitanza del suo arrivo in portineria e l’insofferenza per la presenza in cortile di un inviato di Aler hanno fatto sì che Giuseppe finisse subito nel mirino di un nutrito gruppo di ragazzi che vivono nel caseggiato Aler, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?