Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

Milano, crolla un pezzo di controsoffitto al Galilei: a casa 120 alunni

La scoperta al rientro dopo il ponte del 25 Aprile: sei classi dell’istituto di via Paravia costrette a fare dietrofront. "Colpa di un tubo rotto"

simona ballatore
Cronaca
Un frame del filmato girato all’interno dei corridoi dell’istituto Galilei pubblicato sulla pagina “Milano Bella da dio“ e diventato virale
Studenti al Galilei, nel quartiere di San Siro

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - La brutta sorpresa appena messo piede a scuola, dopo il ponte del 25 Aprile. Alcuni pannelli del soffitto sono crollati a terra, per fortuna quando l’edificio era deserto. Succede - questa volta - all’istituto d’istruzione superiore Galileo Galilei di via Paravia, zona San Siro. Indiziato numero uno: il maltempo, con il temporale che nella notte tra lunedì e martedì si è riversato su Milano. Ma è stato "scagionato" all’arrivo dei tecnici. Sarebbe tutta colpa di un “guasto“ e non della pioggia. "Si è rotto un flessibile d’acqua di un lavello nella sala stampa del primo piano – spiegano dalla Città Metropolitana – Essendo la scuola chiusa per le feste si sono accorti della perdita solo al rientro. L’acqua non esce più, siamo già in contatto con la scuola e con la ditta di manutenzione per ripristinare la controsoffittatura".

Fatto sta che sei classi - quelle con le aule che si affacciavano sul corridoio - hanno dovuto fare dietrofront: ovvero circa 120 studenti dei 900 che popolano l’istituto. "Li abbiamo mandati a casa per sicurezza – spiegano dalla scuola –. I pannelli si sono staccati quando all’interno non c’era nessuno, lo abbiamo scoperto solo all’arrivo, alle 7.30, e abbiamo subito avvisato Città Metropolitana. È stato tutto ripristinato e domani (oggi per chi legge, ndr) rientreranno tutti in classe". A testimoniare che il controsoffitto è crollato in più punti è anche un piccolo video comparso ieri sulla pagina “Milano bella da dio“ e diventato virale: ci sono i frammenti dei pannelli sul pavimento accanto alle classi del primo piano, chiuse. Sono rimasti a scuola gli studenti che si trovavano nelle restanti parti dell’edificio di via Paravia.

Guasto o maltempo, l’edilizia scolastica carente resta comunque sorvegliata speciale, non solo in città. E a denunciarlo - dopo le occupazioni che si sono susseguite anche a Milano - è l’Unione degli Studenti, che ieri ha presentato il suo manifesto a Roma, chiedendo un cambio di passo per la scuola a pezzi e puntando il dito sui tagli alla scuola. "Ci avete lasciato le macerie", hanno ribadito forte e chiaro i ragazzi. "I piani di investimento che negli ultimi mesi hanno cercato di risolvere alcuni dei numerosissimi problemi legati alle condizioni degli edifici scolastici nel nostro Paese sono stati insufficienti – si legge tra le righe nel manifesto, realizzato a chiusura degli Stati generali della scuola –. Dall’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica ad oggi attiva, tuttora incompleta, da alcuni dati dell’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia, sono stati elaborati alcuni rapporti alquanto preoccupanti dal punto di vista della progettazione antisismica. Più di una scuola su due non possiede il certificato di agibilità, il 53,9%".

Si chiede il completamento dell’anagrafe per avere lo stato di salute degli edifici e un quadro della situazione, oltre alla messa a norma di tutti gli spazi e a un piano di investimento straordinario che preveda anche la realizzazione di scuole nuove quando non è possibile sistemare edifici in disuso, come pure l’eliminazione delle barriere architettoniche. "Chiediamo anche di rendere gli spazi scolastici sostenibili e regolamentati dal punto di vista ambientale – ribadiscono gli studenti dell’Uds – Serve inoltre garantire la bonifica degli edifici da materiali inquinanti e dannosi per la salute, come l’amianto, che è ancora presente in troppe scuole".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?