Quotidiano Nazionale logo
27 feb 2022

Crediti deteriorati, i sette indagati di Mps

I retroscena sulla richiesta di proroga delle indagini dei pm milanesi. L’ex ad Morelli e tre ex presidenti ’avvisati’ per i bilanci 2016 e 2017

featured image
Mps

Anche se Giuseppe Bivona, piccolo azionista e consulente di Bluebell Partners, si è preso il ruolo di ’ispiratore’ dei sette nuovi indagati eccellenti, nell’ambito dell’inchiesta di Milano sui crediti deteriorati di Mps, nella richiesta di proroga dei pm Cavalleri e Fontana, si citano soprattutto le parti civili e l’Associazione Buon Governo Mps difese dagli avvocati Paolo Emilio Falaschi e Mauro Minestroni. E le informazioni raccolte dai due magistrati, subentrati ai sostituti Stefano Civardi, Giordano Baggio e Mauro Clerici, dal capo degli ispettori di Bankitalia ai responsabili della direzione crediti di Banca Mps dal 2012 al 2016, hanno portato alla richiesta di altri tre mesi di tempo per concludere le indagini. Dalla richiesta di proroga è emerso chi sono i sette nuovi indagati, oltre ad Alessandro Profumo, Fabrizio Viola e Paolo Salvadori, già protagonisti dell’inchiesta. Sono l’ex amministratore delegato Marco Morelli, gli ex presidenti di Banca Mps Massimo Tononi, Alessandro Falciai e Stefania Bariatti, i dirigenti del Monte dei Paschi preposti alla redazione dei documenti contabili Daniele Bigi, Arturo Betunio e Massimo Nicola Clarelli. Le ipotesi di reato per loro solo false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, i bilanci contestati sono quelli di Banca Mps dal 2012 al 2017. Sono i profili dei nuovi indagati, e in particolare il fatto che Stefania Bariatti sia entrata nella lista per appena 13 giorni da presidente, visto che prese il posto del dimissionario Falciai e fu nominata dal cda della Rocca il 18 dicembre 2017, a fornire una possibile interpretazione sul filone allargato dell’inchiesta. Anche l’inserimento di Marco Morelli, che diventò ad del Monte nel settembre 2016, stride con quanto emerso finora dalle perizie e dalle audizioni. Se la contestazione alla base delle indagini e l’essenza della sterminata perizia (oltre 6mila pagine) di Gaetano Bellavia e Fulvia Ferradini, era la non corretta contabilizzazione, tra il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?