Quotidiano Nazionale logo
30 apr 2022

Covid, dove resta la mascherina serpeggia il malcontento

Ffp2 obbligatoria fino al 15 giugno in cinema, teatri, locali e sale dove si svolgono concerti. Il mondo dello spettacolo non gradisce

annamaria lazzari
Cronaca
pintus monza corso di teatro con mascherina
Mascherina a teatro

Milano, 1 maggio 2022 - Serpeggia malcontento nel mondo dello spettacolo. Da oggi bar, ristoranti, esercizi commerciali e i luoghi di lavoro (tranne gli ospedali) si liberano delle mascherine. Non saranno più necessarie neppure quando si balla in discoteca. Mentre le Ffp2 saranno obbligatorie fino al 15 giugno, oltre che nel trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza, per assistere agli spettacoli che si svolgono al chiuso in cinema, teatri, sale da concerto, locali di intrattenimento e musica dal vivo, nonché durante eventi e competizioni sportive (sempre al chiuso).

A indicare l’utilizzo delle mascherine è stato l’emendamento approvato in Commissione alla Camera all’ultimo decreto Covid di marzo, a cui ha fatto poi seguito la firma del ministro della Salute, Roberto Speranza, a una nuova ordinanza che prolunga ancora per qualche settimana l’uso dei dispositivi di protezione in alcuni luoghi. L’obbligo di mascherina vale anche per lavoratori, utenti e visitatori di ospedali, strutture sanitarie, Rsa. Negli altri luoghi di lavoro, pubblici e privati, la mascherina sarà raccomandata. Tuttavia potranno essere siglati accordi fra datore di lavoro e dipendenti per farla indossare in alcune situazioni di rischio. 

Buone notizie per centri commerciali, negozi, ristoranti e bar, dove i consumatori potranno usufruire dei servizi senza mascherina: vale anche in questo caso la sua raccomandazione. Diverso il discorso delle scuole che restano fuori dal perimetro dell’ordinanza: la proroga dell’utilizzo delle mascherine è stata prevista per gli studenti fino alla fine dell’anno scolastico. Il primo maggio segna il termine dell’obbligo del Green pass quasi ovunque con la libertà di movimento anche per i non vaccinati. Ci sarà l’accesso libero per accedere a tutti quei luoghi dove fino a ieri la certificazione verde è stata obbligatoria nella sua versione "base" o "rafforzata". Inclusi cinema, teatro e sale da concerto, dove però le mascherine faranno compagnia ancora per un po’.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?