Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

Morti Covid al lavoro, la strage silenziosa

In Lombardia il 24% dei decessi denunciati all’Inail. Sono 206 dal 2020, ma la maggior parte sfugge alle rilevazioni

11 giu 2022
andrea gianni
Cronaca
REPARTO RIANIMAZIONE CENTRALE DEL POLICLINICO UMBERTO I PRIMO
TERAPIA INTENSIVA TERAPIE INTENSIVE
EMERGENZA SANITARIA CORONAVIRUS COVID-19 STRUTTURA MEDICA
PERSONALE MEDICO SANITARIO OPERATORE OPERATORI SANITARI AREA APPARECCHIATURE VESTIZIONE TUTA PROTETTIVA TUTE PROTETTIVE GUANTI PROTETTIVI VISIERA
Covid
REPARTO RIANIMAZIONE CENTRALE DEL POLICLINICO UMBERTO I PRIMO
TERAPIA INTENSIVA TERAPIE INTENSIVE
EMERGENZA SANITARIA CORONAVIRUS COVID-19 STRUTTURA MEDICA
PERSONALE MEDICO SANITARIO OPERATORE OPERATORI SANITARI AREA APPARECCHIATURE VESTIZIONE TUTA PROTETTIVA TUTE PROTETTIVE GUANTI PROTETTIVI VISIERA
Covid

Milano - La curva ha il suo picco massimo a marzo 2020, torna a impennarsi a novembre dello stesso anno. Scende per tutto il 2021, con una piccola risalita a marzo. A gennaio di quest’anno torna ad alti livelli, per poi scendere verso il basso ad aprile. Un’altalena che rappresenta la strage nei luoghi di lavoro in Lombardia da quando è esplosa la pandemia. I più colpiti sono gli operatori di "sanità e assistenza sociale", settore dove si concentra il 70,2% dei contagi Covid denunciati all’Inail in Lombardia, seguita da"attività manifatturiere" (5,2%) e "trasporto-magazzinaggio" (4,6%), cioè quella filiera della logistica e delle consegne che non si è mai fermata. Secondo gli ultimi dati Inail, da febbraio 2020 ad aprile 2022 sono stati denunciati in Lombardia 62.922 infortuni sul lavoro da Covid-19, il 24,1% del totale nazionale (260.750). Sono 206, in Lombardia, quelli "con esito mortale", il 24% degli 858 decessi in Italia. Una quota rilevante nella regione che, dall’ultimo monitoraggio di Palazzo Lombardia, ha registrato complessivamente oltre 40.600 morti. Ma i decessi per contagio contratto sul luogo di lavoro sono sottostimati, perché sfuggono alla rilevazione Inail (e agli indennizzi) quelli che non sono stati denunciati, nei settori dove il lavoro è più precario. Si aggiunge poi la difficoltà nello stabilire chiaramente se il contagio sia stato contratto effettivamente sul luogo di lavoro o in altri ambienti. Il 76% degli infortuni sul lavoro da Covid-19 denunciati è stato riconosciuto dall’Inail come tale, e sul 95% di quelli riconosciuti è già stato corrisposto l’indennizzo (ai familiari in caso di decesso). "L’analisi nella regione – si legge nell’ultimo report realizzato dall’Inail – evidenzia che le denunce pervenute da inizio pandemia afferiscono per il 63,0% al 2020, per il 15,8% al 2021 e per il 21,2% ai primi quattro mesi del 2022 (superati già ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?