Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 feb 2022

Milano, folle gara mortale tra auto in via Melchiorre Gioia: conducenti condannati

Cinque sorpassi in pochi secondi. Definitive le pene a tre anni di reclusione: nell’impatto perse la vita un altro automobilista. I giudici: "Morte provocata dalla gara"

23 feb 2022
nicola palma
Cronaca
La sequenza choc della notte tra il 3 e il 4 novembre 2013 nelle immagini delle telecamere: dal sorpasso nel tunnel di Porta Nuova all’impatto con la Fiat Panda all’incrocio tra via Gioia e via Galvani
La sequenza choc della notte tra il 3 e il 4 novembre 2013 nelle immagini delle telecamere
La sequenza choc della notte tra il 3 e il 4 novembre 2013 nelle immagini delle telecamere: dal sorpasso nel tunnel di Porta Nuova all’impatto con la Fiat Panda all’incrocio tra via Gioia e via Galvani
La sequenza choc della notte tra il 3 e il 4 novembre 2013 nelle immagini delle telecamere

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - Fu una gara , "con cinque sorpassi svolti in un brevissimo arco di tempo, a velocità sostenuta, con un ripetuto sostituirsi dei veicoli nelle posizioni di marcia, lungo un percorso di circa due chilometri". Ora c’è anche il timbro della Cassazione a certificare che nella notte tra il 3 e il 4 novembre 2013 Andrea Piccini e Lorenzo Valenti diedero vita a un folle testa a testa in zona Garibaldi al volante di una Bmw 320 e di una Passat, provocando la morte del quarantaseienne Luca R., alla guida della Fiat Panda travolta all’incrocio tra via Gioia e via Galvani. I giudici della Suprema Corte hanno respinto i ricorsi presentati dai legali dei due imputati, rendendo definitive le condanne a tre anni di reclusione.

Una delle auto coinvolte nell'incidente
Una delle auto coinvolte nell'incidente

Nelle motivazioni , viene ricostruito tutto il tragitto dei due bolidi. Stando a quanto accertato dagli agenti della polizia locale (e in particolare da un sovrintendente che ebbe l’idea di analizzare le immagini di tutte le telecamere per ricostruire a ritroso l’intera sequenza), alle 3.30 gli amici Piccini e Valenti – che all’epoca avevano 21 e 25 anni – escono dalla discoteca Tocqueville e salgono sulle rispettive auto: il primo è diretto a casa, il secondo al lavoro. Alle 3.37 e 13 secondi, un occhio elettronico riprende l’ingresso nel tunnel don Sturzo, col primo sorpasso della Bmw preceduto da un colpo di abbaglianti; le macchine in colonna sbucano dalla galleria alle 3.37.32, dopo aver percorso 300 metri in 19 secondi.

Tra via Farini e il Monumentale, la 320 e la Passat fanno inversione a U per tornare verso corso Como, salvo poi infilarsi nello stesso tunnel, stavolta attraversato in 9 secondi. Le auto cambiano continuamente carreggiata, tentando di sopravanzarsi: all’uscita di via Gioia, entrambe viaggiano a 98 chilometri orari. Fino al drammatico impatto con la Panda. A più di 8 anni da quella notte, c’è una certezza: Luca morì per colpa di due ragazzi che decisero di trasformare le strade di Porta Nuova in un circuito di Formula 1.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?