Francesco Pergola
Francesco Pergola

Milano, 30 marzo 2020 - Viaggi da uno o due giorni per tutti i medici e gli infermieri che si sono ritrovati in prima linea contro il coronavirus. L’idea arriva dal 40enne milanese Francesco Pergola, dirigente della società Triumph International Rome: "Guardando le foto del personale ospedaliero disperato e stanco mi sono sentito inutile rispetto a questa emergenza. Non potevo stare con le mani in mano". Dopo qualche giorno l’idea, acquistare le Smartbox: "Serviva qualcosa che potesse andare bene sia per una persona di Milano che di Bitonto – spiega –. Il popolo italiano deve uscire più unito che mai da questa crisi sanitaria indipendentemente dalle decisioni del Governo. Tutti dobbiamo renderci utili. Mi sono permesso di immedesimarmi in loro ed ho pensato che dopo tutto questo lavoro un momento di svago fosse la cosa migliore rispetto a dei buoni benzina o spesa".

Le Smartbox che verranno acquistate prevederanno viaggi esclusivamente in Italia: "È fondamentale aiutare anche i tantissimi commercianti o piccoli imprenditori italiani messi in ginocchio da questa crisi. Io stesso avevo pensato di fare un viaggio in Perù quest’estate, ovviamente per motivi sanitari non potrò più farlo, ma avrei scartato comunque l’idea decidendo di passare una vacanza nel mio paese". Da qui nasce il suo progetto #soloperteItalia: "Dal 2 giugno a Capodanno rimaniamo in Italia. Qualche giorno di relax nel Lazio, Toscana e Liguria, una settimana di divertimento puro sulla costa romagnola, marchigiana o veneta, una settimana di lusso in agosto nelle belle Puglia, Calabria, Campania, Sicilia, Sardegna e Basilicata, un ponte prima di Natale in Trentino o Piemonte per poi chiudere con qualche giorno sulla neve in Lombardia, Aosta, Molise e Abruzzo".

Il dirigente ha scelto anche di contattare la stessa azienda, che in pochissimo tempo ha risposto offrendo agevolazioni nell’acquisto dei pacchetti vacanze. Per non lasciare nulla al caso Pergola ha aperto un Iban dedicato al progetto: "Durante la pause pranzo chiamavo la banca, chiedevo informazioni e cercavo di capire come fosse meglio muoversi". Dopo aver lui stesso donato, ha invitato tutti a farlo aprendo una raccolta fondi intitolata "Non ci dimentichiamo di te, promesso" sul portale Gofundme. In soli due giorni la raccolta è arrivata a mille euro: "Sto cercando di invitare sempre più persone a donare, anche poco. In queste settimane c’è chi è realmente in difficoltà". Al centro dell’iniziativa ci sono gli ospedali che in questi settimane sono stati più in sofferenza: "In base ai soldi donati capiremo a quanti operatori sanitari potremo indirizzare le Smartbox".