Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
31 ago 2021

Incendio via Antonini: "Controlli e manutenzione, qualcosa non ha funzionato"

Il presidente degli ingegneri: verifiche non solo alla costruzione ma periodiche. Le ipotesi delle serrande tagliafuoco che non sono scattate e degli isolanti

31 ago 2021
simona ballatore
Cronaca

di Simona Ballatore "Qualcosa alla Torre dei Moro non ha funzionato. Più attenzione va data alla manutenzione". A chiederlo, all’indomani dell’incendio che ha avvolto il grattacielo di 18 piani di via degli Antonini, è Bruno Finzi, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Milano. "Le normative sulla sicurezza oggi, rispetto a 10 anni fa, sono molto avanzate, sia per quanto riguarda la sicurezza statica che la progettazione – commenta –. È troppo presto per stabilire cosa possa essere successo, siamo ancora nel mondo delle ipotesi e la magistratura chiarirà eventuali responsabilità, sembra però che in un edificio progettato secondo le norme di sicurezza - e l’evacuazione di tutti i residenti lo dimostrerebbe - ci siano stati dei malfunzionamenti". In tal caso a mancare sarebbe stata la manutenzione, appunto. "Il controllo non si deve esaurire al momento in cui un edificio viene costruito, ma serve una manutenzione ordinaria e straordinaria programmata per verificare che tutto funzioni – sottolinea l’ingegnere Finzi –. Se è vero, come sento fra le ultime ipotesi, che non sarebbero scattate le serrande tagliafuoco, non è tanto una questione di materiali utilizzati ma di cattivo funzionamento. La manutenzione andrebbe programmata ogni cinque anni o comunque periodicamente a seconda del rischio: deve entrare nella nostra cultura". Rischio che cresce in relazione all’altezza, ovviamente. "Se un materiale era a norma per l’età di costruzione ma non è più certificato per essere sicuro va imposta la sua sostituzione al proprietario", continua Finzi. Altro tema riguarda la presenza di altri materiali isolanti per l’efficientamento energetico. Fondamentali saranno le analisi chimiche e fisiche dei materiali prelevati in via Antonini, a partire da quel che resta dei “pannelli bianchi“ che si scioglievano sotto gli occhi dei testimoni. "Tutti i materiali utilizzati nell’ambito delle costruzioni devono avere una garanzia per la tenuta al fuoco – sottolinea Roberto Simonutti, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?