Quotidiano Nazionale logo
25 mar 2022

Condannata la “signora della droga”

Tre anni e 8 mesi a Jona Mullaraj, la pasionaria della Lega, per un traffico di 450 chili di hascisc

stefania totaro
Cronaca
Jona Mullaraj condannata a 3 anni e 8 mesi di reclusione con il rito abbreviato
Jona Mullaraj condannata a 3 anni e 8 mesi di reclusione con il rito abbreviato
Jona Mullaraj condannata a 3 anni e 8 mesi di reclusione con il rito abbreviato

di Stefania Totaro

Condannata la pasionaria della Lega ritenuta la "signora della droga" per un traffico di 450 chili di hascisc. La gup del Tribunale di Monza Silvia Pansini ha inflitto 3 anni e 8 mesi di reclusione con il rito abbreviato alla 36enne Jona Mullaraj, origini albanesi, residente a Saronno, che lavora nel campo dell’edilizia ed è conosciuta per il suo impegno politico in campo leghista, oltre che apertamente vicina a posizioni dei movimenti no green pass e no vax, come emerge dal suo profilo Facebook, dove ha postato anche diverse foto che la ritraggono accanto a politici leghisti, compreso il leader Matteo Salvini (la Lega nulla c’entra con le indagini). La giudice ha deciso altre due condanne con il rito abbreviato a 3 anni e 10 mesi per Bruno La Marca, 43enne di Seregno e a 3 anni e 4 mesi per Alessandro Barbieri, 42enne di Limbiate e ha accolto un patteggiamento di pena di 4 anni e mezzo per Rosario Abbene, 45enne di Cesate. Gli arresti erano scattati lo scorso dicembre in un’operazione dei carabinieri della Compagnia di Desio. A tradire la militante leghista sarebbe stato un complice, un pregiudicato con un precedente per violenza sessuale che aveva il compito di custodire un carico da 450 chili di hascisc, almeno secondo quanto emerso dalle intercettazioni. Le indagini dei carabinieri sono partite dalla segnalazione di un furto nel garage di un condominio di Cesano Maderno fatta dal portinaio dello stabile. I militari intervenuti sul posto, hanno sentito un potente odore di droga provenire dal box e sono andati a controllare l’affittuario, il 45enne di Cesate, dove hanno scoperto 80 chili di hascisc. Ma sarebbe stata Jona Mullaraj la vera proprietaria della grossa partita di hascisc perchè la proprietaria del garage l’ha riconosciuta come la donna a cui aveva consegnato le chiavi dell’immobile nonostante il contratto fosse intestato ad una prestanome. Secondo la ricostruzione degli inquirenti è stato proprio il 45enne a simulare il furto di droga con la complicità degli altri due imputati. I carabinieri della Compagnia di Desio non si sono fermati al sequestro, ma hanno approfondito le indagini scoprendo anche un commercio di hascisc al dettaglio gestito da un 38enne pusher attivo a Senago, per cui procede il Tribunale di Milano per competenza. Recentemente la 36enne è stata scarcerata per scadenza dei termini di custodia cautelare in quanto non le è stata contestata l’aggravante della ingente quantità di sostanza stupefacente nell’accusa di detenzione a scopo di spaccio di droga.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?