Quotidiano Nazionale logo
17 mar 2022

Come proteggere la privacy on-line dei lavoratori

ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

utilizzo sempre maggiore delle comunicazioni elettroniche accresce i rischi di violazioni della privacy. Il crescente ricorso allo smart working e al trattamento dei dati aziendali da remoto moltiplica le occasioni di furti di dati e mette a rischio la riservatezza delle informazioni aziendali. Ecco perché moltissime imprese stanno investendo sempre più risorse nella cybersecurity e nella protezione dei sistemi informatici. Ma esistono anche violazioni della privacy che dipendono da negligenza o da abusi da parte dei datori di lavoro nei confronti dei lavoratori. Ad esempio, commette un illecito il datore di lavoro che mantiene attivo l’account di posta aziendale di un dipendente dopo l’interruzione del rapporto di lavoro e accede alle mail contenute nella sua casella di posta elettronica. Lo ha ribadito il Garante della privacy, accogliendo il reclamo di un ex dipendente che, pur avendo intimato alla società nella quale lavorava di disattivare il suo account di posta elettronica e di trasmettere copia di tutte le comunicazioni pervenute in quella casella mail fino al momento della disattivazione, aveva scoperto che quell’account era rimasto attivo per oltre un anno e mezzo dopo la conclusione del rapporto di lavoro. In quel periodo la società aveva avuto accesso alle comunicazioni che vi erano pervenute, alcune anche estranee all’attività lavorativa del dipendente, cioè di natura privata e goliardica, scambiate dal lavoratore con colleghi e collaboratori. L’Autorità ha ritenuto illecite tali modalità e ha chiarito che un’azienda deve rimuovere gli account di posta elettronica riconducibili a un ex dipendente, adottare sistemi automatici con indirizzi alternativi da fornire a chi contatta la casella di posta e introdurre accorgimenti tecnici per impedire la visualizzazione dei messaggi in arrivo. Solo così la privacy del lavoratore è salva.

*Docente di Diritto dell’informazione

all’Università Cattolica

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?