Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Comasina, i "padroni" criminali e il terrore dei cittadini

Sotto l'apparente tranquillità cova il fuoco dei clan e delle "schegge impazzite"

di MARIANNA VAZZANA
Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 10:58
Carabinieri alla Comasina sul luogo dell'agguato (NewPress)

Milano, 12 settembre 2018 - Le facce  sono quelle di chi la sa lunga. Le espressioni delle mamme che vanno a prendere i figli a scuola o dei più anziani seduti ai tavolini dei bar dicono tutto. «Nel nostro quartiere non c’è un clima di terrore, ma non mancano i problemi», il tenore dei commenti. Dallo spaccio di droga a «certi posti» che di sera è meglio non attraversare, «soprattutto se si è donne, da sole. In cima mettiamo piazza Gasparri». Un luogo che da troppo tempo aspetta un’identità.

Ma una sparatoria  in pieno giorno è un altro paio di maniche, alza l’asticella della preoccupazione. Così i colpi di pistola di ieri mattina sono come il fuoco che cova sotto la cenere. Un agguato che però non è novità in questo quartiere dell’estrema periferia nord, stretto tra Bruzzano e Quarto Oggiaro. Due anni fa, era il 17 agosto del 2016, un pregiudicato italiano di 56 anni aveva tentato il colpo all’ufficio postale, sempre in piazza Gasparri: irruzione armato di pistola. Sempre in pieno giorno. Sempre sotto gli occhi dei cittadini terrorizzati. Altra scena  da far west che ieri è tornata alla mente a più di un abitante. Il bandito aveva cercato di entrare nel caveau ed era stato arrestato dopo un conflitto a fuoco in cui un poliziotto era rimasto ferito a un braccio. Erano le 13.

E nella vicina via Del Tamigi, a Bruzzano, appena lunedì all’alba: sono stati sparati colpi da una pistola a pallini contro un uomo che in base a quanto appreso era solito «mettersi nudo» sul balcone e che con tutta probabilità non era tollerato da qualcuno, che ha voluto lanciargli un messaggio eloquente. L’uomo è rimasto lievemente ferito ed è intervenuta la polizia. Un fatto di per sé non eclatante ma che mostra una certa tendenza a farsi giustizia da sé, a cancellare l’insofferenza con la violenza. Tutto questo  in uno spicchio di città, che è quello dell’estrema periferia nord della città, in cui famiglie legate ai clan della droga hanno spadroneggiato per decenni nei caseggiati popolari e continuano a fare la voce grossa. Tentacoli che si sono estesi da tempo pure nell’hinterland. Da ricordare l’assalto di marzo all’officina “New car” di Novate Milanese, a due passi: il gestore era stato pestato a sangue da otto incappucciati e poi lasciato quasi agonizzante.

Così è emersa una faida dello spaccio. E l’attività della carrozzeria, secondo i carabinieri che hanno indagato, sarebbe stata una copertura per una rete di narcos in cui brillavano nomi storici di Bruzzano, Comasina e Quarto Oggiaro. Chissà, ora, quale storia si nasconde dietro la sparatoria di ieri.

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.