Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 giu 2022

Spiavano cittadini usando le loro webcam: smantellati due gruppi criminali

Intrusioni nei sistemi di videosorveglianza di case private, oltre che palestre e piscine

8 giu 2022

Ignari cittadini spiati nell'intimità delle loro abitazioni, ma anche in luoghi "sensibili" come gli spogliatoi di alcune palestre e piscine. Ad aver messo in piedi il sistema due gruppi criminali, scoperti e smantellati dalla polizia postale di Milano, con il coordinamento del servizio di polizia postale di Roma e della procura di Milano.  I componenti del gruppo sarebbero i responsabili di intrusioni informatiche architettate con l'obiettivo di violare gli impianti di videosorveglianza installati in case private oltre che in spogliatoi di palestre, piscine e studi. L'operazione ha interessato dieci città italiane. Sono state effettuate altrettante perquisizioni domiciliari, concluse con il sequestro di computer e altro materiale informatico. La ricostruzione della filiera delittuosa e l'identificazione degli autori delle condotte illecite hanno comportato una serie di sforzi investigativi, anche in considerazione degli accorgimenti adottati dai sodalizi criminali per nascondersi in rete e sfuggire alle ricerche della polizia.  Nell'ambito dei due gruppi criminali scoperti dagli investigatori (a uno dei quali - il più corposo - è stata mossa l'accusa di associazione per delinquere), gli indagati avevano ruoli e compiti ben definiti: i più esperti in materia informatica scandagliavano la rete alla ricerca di impianti di videosorveglianza connessi a internet; una volta individuati, li sottoponevano a veri e propri attacchi informatici che consentivano loro, in caso di successo, di scoprire le password dei videoregistratori digitali a cui normalmente vengono collegate le telecamere di videosorveglianza e di accedere ai relativi impianti. Raccolte le credenziali di accesso, era compito di altri appartenenti ai gruppi criminali verificare la tipologia degli impianti, gli ambienti inquadrati e la qualità delle riprese, allo scopo di individuare telecamere che riprendessero luoghi particolarmente "intimi", come bagni e camere da letto. L'obiettivo finale era infatti quello di carpire immagini che ritraessero le ignare vittime durante la consumazione di rapporti sessuali o atti di autoerotismo. In alcuni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?