Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 giu 2022

Circo e artisti di strada protagonisti al Bam

La Biblioteca degli alberi scenario fino a domani di spettaccoli ispirati alla natura e dedicati ai cittadini di ogni età

18 giu 2022

Teatro di strada nella Biblioteca degli alberi. Fondazione Riccardo Catella presenta la grande novità del palinsesto 2022 all’interno del programma culturale di BAM - Biblioteca degli Alberi Milano: la prima edizione del festival internazionale BAM CIRCUS - Il Festival delle meraviglie al parco, ideato e diretto da Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale di BAM, Fondazione Riccardo Catella. Da ieri sera a domani per tutto il giorno, il festival vede protagonista il teatro di strada contemporaneo con un programma prodotto e realizzato in stretta connessione con le specificità del Parco per offrire il suo ricco palinsesto culturale completamente open air e di respiro internazionale.

Bam Circus è infatti uno dei rari esempi di festival di teatro di strada integrato in maniera totale al luogo in cui nasce e va in scena: ispirato alla Natura e pensato per coinvolgere tutta la cittadinanza, in ogni sua fascia d’età, generare stupore e meraviglia ed esaltare il rapporto tra l’uomo e ciò che lo circonda. L’idea di portare a Milano una forma d’arte contemporanea nasce dal desiderio di raccogliere l’identità del luogo su cui è nato BAM, le ex Varesine, dove oggi sorge una porzione del quartiere Porta Nuova, che hanno ospitato per decenni lo spettacolo popolare per eccellenza, il circo e le compagnie italiane più importanti come il Circo Togni e il Circo Orfei. Per valorizzare questo legame con la storia di Milano, la Fondazione Riccardo Catella ha commissionato la produzione di un documentario “Ti ricordi il Circo a Milano? Dalle ex Varesine un cammino che continua” con interviste proprio ai protagonisti della storia del circo italiano come Paride Orfei e Claudio Madia, un corto che racconta l’amore per il mondo del circo da Federico Fellini, Giorgio Strehler, Paolo Grassi e di tanti artisti oltre che raccogliere, articoli, foto e video di un repertorio storico che non si vuole perdere e che sarà presentato in anteprima durante il festival.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?