Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Riapre il chiostro Vinchi, una piccola agorà a metà strada tra Duomo e Castello

Rimodulati gli spazi per la sala teatrale, aree espositive, caffé e libreria

di DIEGO VINCENTI
Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 11:13
La riapertura del Chiostro Nina Vinchi (foto LaPresse)

Milano, 12 settembre 2018 - Una piccola agorà. Di riposo e di pensiero. Proprio lì, a metà strada fra il Duomo e il Castello. Così fisiologicamente legata al Piccolo Teatro Grassi, dove nel dopoguerra è cominciato un po’ tutto, gettandosi alle spalle il passato nerissimo di via Rovello, sede delle torture fasciste della Sezione Muti. Eppure un’agorà simbolo anche di una visione culturale che va ben oltre il palcoscenico, per accogliere incontri, esposizioni, dibattiti. Riapre il Chiostro Nina Vinchi. Giusto in tempo per i primi titoli in stagione. E lo fa dopo un intervento che ne ha rimodulato (ampiamente) le varie zone.

Lo spazio conferenze è stato così spostato sulla sinistra, accanto alla sala teatrale. Mentre più ampio e accogliente è ora il Piccolo Café & Restaurant, aperto sette giorni su sette. Ripensata anche la Libreria Corraini che continuerà ad essere collegata al Chiostro ma avrà un suo ingresso indipendente su via Rovello. E sarà proprio in mezzo ai libri che prenderanno vita le esposizioni, a cominciare da due mostre visitabili fino al 21 ottobre: la prima dedicata alle fotografie di Gabriele Basilico, la seconda a I Teatrini in legno di Giosetta Fioroni, realizzati negli anni Novanta e per la prima volta esposti a Milano. Confermata la collaborazione con il Politecnico, mentre la biglietteria torna nel foyer. 
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.