Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 dic 2020

Caos smart working: ditte in ordine sparso

Per evitare il collasso dei mezzi +10% di dipendenti a casa ma le imprese oscillano fra conservatrici e illuminate

27 dic 2020
diandrea gianni
Cronaca
Alcune imprese si sono attrezzate per rendere organico lo smart working
Alcune imprese si sono attrezzate per rendere organico lo smart working
Alcune imprese si sono attrezzate per rendere organico lo smart working
Alcune imprese si sono attrezzate per rendere organico lo smart working

  di Andrea Gianni Aziende che mandano email per “invitare“ tutti i dipendenti a rientrare in ufficio dopo le ferie, con un sostanziale addio al lavoro da casa. Altre dove regna la confusione, con i lavoratori incerti sul da farsi, in assenza di piani ben definiti nonostante quasi un anno di pandemia. Altre ditte che, invece, mettono sul tavolo bonus per coprire spese per pasti e bollette di chi lavora a distanza, intenzionate a estenedere sempre più lo smart working, approfittando anche del risparmio di costi. Imprese e studi professionali oscillano fra provvedimenti “illuminati“ e misure più conservatrici, con l’incognita per il 7 gennaio, quando nelle scuole superiori tornerà la didattica in presenza. Per evitare affollamenti sui mezzi pubblici e il collasso del sistema dei trasporti, il piano operativo della Prefettura di Milano prevede di "riportare lo smart working ai valori che già sono stati adottati in diversi momenti della pandemia". La percentuale di smart working, infatti, "si è abbassata" rispetto ai mesi scorsi. Secondo le stime del Politecnico di Milano riportate nel documento sono 375mila i lavoratori milanesi "impiegati in occupazioni che consentono di applicare in maniera significativa modelli di smart working": 97mila nei servizi bancari, finanziari e assicurativi; 160mila in altri settori del terziario; 50mila nella pubblica amministrazione; 25mila professionisti; 40mila nel manifatturiero, ingegneria, costruzioni e logistica. Svuotare gli uffici, quindi, alleggerirebbe il peso sui mezzi pubblici. "Una variazione nella adozione dello smart working di 10 punti percentuali ha un impatto rilevante pari a 37.500 spostamenti – si legge nello studio – ossia dello stesso ordine di grandezza del 50% del numero di studenti delle scuole superiori (38.000)". Numeri sulla carta, che però vanno tradotti in una realtà che vede le aziende andare in ordine sparso. Per molti lavoratori il rientro dopo le ferie sarà ancora nel segno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?