Carolina Sala con la sua Luna
Carolina Sala con la sua Luna

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Il sorriso e lo sguardo raccontano di una cagnolina felice. Luna, cane da pastore simil husky, assapora il lieto fine dopo una vita di sofferenze: ha vissuto 15 anni per strada con una coppia di tossicodipendenti e ora, finalmente, ha una casa. "L’ho adottata da una manciata di giorni e ha già cambiato aspetto. Era malata e sofferente, ora i suoi occhi comunicano gioia. Sono molto felice di poterle donare serenità e amore", spiega Carolina Sala, presidentessa dell’associazione “Task force animalista” che si batte per i diritti degli animali. "Tra i nostri obiettivi, far sì che non ci siano più cani utilizzati per l’accattonaggio in strada e che il Comune allestisca spazi permanenti per clochard e i loro animali", sottolinea. La storia di Luna è emblematica. "Ha vissuto per strada dal 2006 – racconta Sala –. A tanti milanesi sarà capitato di vederla sotto i portici di piazza Duomo, insieme ai suoi padroni che chiedevano l’elemosina. Persone che non erano in grado di curarsi di lei: spesso era sola". A un certo punto, la coppia è stata allontanata da piazza Duomo e si è spostata in via Torino. "E i problemi sono aumentati, perché capitava che queste persone lasciassero la cagnolina per ore da sola, senz’acqua e senza più neppure il riparo del porticato", continua Sala. "Il 29 maggio mi sono avvicinata e ho notato quanto stesse male, con dermatite sul corpo, pelo mancante in vari punti, e in condizioni igieniche precarie. Ero in buoni rapporti con i proprietari, li ho pregati di farsi aiutare, ho comprato farmaci per Luna e un passeggino. Ma il giorno dopo, quando avrei dovuto consegnare tutto, sul marciapiede non c’era più nessuno".

Cosa era successo? "Il proprietario era stato arrestato per droga". E Luna è stata intercettata dal Nucleo Duomo della polizia locale mentre era con una terza persona che chiedeva l’elemosina. Quindi è stata sequestrata amministrativamente e portata al canile sanitario. «Il proprietario, una volta uscito dal carcere, era intenzionato a riprenderla. Ma io e altre volontarie siamo riuscite a convincerlo a farla adottare, per il suo bene. Ringrazio in modo particolare mia figlia Giulia, 17 anni, sempre al mio fianco. Luna ha bisogno di cure, se fosse rimasta per strada sarebbe morta. Questa è una bella storia di lavoro sinergico tra cittadini, polizia locale e canile". I sequestri non sono rari: da gennaio ad aprile, fanno sapere da Palazzo Marino, i cani accompagnati al canile per sequestri amministrativi sono stati sette. Dieci, per quelli penali. E non sono solo legati all’accattonaggio.

Il regolamento comunale per il benessere e la tutela degli animali vieta l’accattonaggio con gli animali (articolo 14) ma il divieto non c’è questi sono "compagni di vita" dei mendicanti. Il consigliere di Municipio 1 Gianluca Lanza si complimenta con Carolina Sala, "e mi batterò – assicura – affinché ci sia un rifugio per animali e padroni e l’accattonaggio con animali sia vietato a tutti".