Frati
Frati

Milano, 11  giugno 2019 - Fra Clemente Moriggi, finito a processo con altri due confratelli per un buco da 20 milioni di euro nelle casse dei Frati Francescani e poi assolto, è stato dimesso dall'Ordine dei Frati Minori e dallo stato clericale. Lo ha reso noto l'ordine spiegando che il provvedimento arriva come conseguenza del mancato adempimento alla richiesta di trasferirsi da Milano in altro convento della Provincia. Tale provvedimento, si legge nella nota diffusa dai Frati Minori, venne preso con l'avvio delle indagini sui fondi dei Frati investiti attraverso il 'fiduciario' Leonida Rossi e mai più restituiti. Lo stesso Rossi si era impiccato nel 2015 nella sua villa, in circostanze misteriose.

Moriggi, allora economo della Conferenza dei ministri provinciali dei Frati Minori, era finito a processo insieme ai confratelli Fra Giancarlo Lati e Fra Renato Beretta. Il maggio scorso il Tribunale di Milano ha prosciolto i tre religiosi per prescrizione sia con l'assoluzione per non aver commesso il fatto. In quella occasione erano stati presi rimedi disciplinari, previsti dall'Ordinamento canonico e civile, che prevedevano il trasferimento immediato dei tre frati finiti a processo in altri conventi. Fra Lati e fra Beretta hanno obbedito, mentre fra Moriggi avrebbe trasgredito alla richiesta e gli sono state comunicate le dimissioni da parte dell'ordine.