Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 mag 2022
24 mag 2022

Bruce Springsteen a Milano. Il Boss torna ma va a Monza, niente San Siro

La star il 25 luglio 2023 sarà al Prato della Gerascia. Meazza escluso perché le date per la prossima estate sono ancora in “stand by’’

24 mag 2022
Lucidi - Stadio di San Siro, il concerto di Bruce Springsteen (Milano - 2016-07-03, Luca Matarazzo) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
Stadio di San Siro, il concerto di Bruce Springsteen
Lucidi - Stadio di San Siro, il concerto di Bruce Springsteen (Milano - 2016-07-03, Luca Matarazzo) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
Stadio di San Siro, il concerto di Bruce Springsteen

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - La notizia è arrivata di primissima mattina e ha allietato il risveglio dei tantissimi springsteeniani italiani: il Boss tornerà a suonare in Italia, dopo sei anni di assenza dovute – in particolare dal 2020 in poi – dall’emergenza Covid. Barley Arts, la società di promozione che cura i tour del rocker americano, ha comunicato tre date nel Belpaese nel 2023: il 18 maggio al Parco urbano Bassani di Ferrara, il 21 maggio al Circo Massimo di Roma e il 25 luglio al Prato della Gerascia all’interno dell’Autodromo e del Parco di Monza.

Niente stadio di San Siro? Inutile nasconderlo, i fan milanesi del Boss si aspettavano che il loro idolo tornasse a esibirsi nella Scala del calcio e del rock. Sì, perché Springsteen considera il Meazza uno dei luoghi migliori dove ha suonato nel corso della sua ormai cinquantennale carriera e alcuni suo show nella stadio di Milano sono entrati nella leggenda del rock. Certamente il primo, il 21 giugno 1985, l’esordio dell’artista a stelle e strisce in Italia, ma anche il secondo, il 28 giugno 2003, sotto una pioggia incessante.

Ma gli springstiniani di ferro non si sono persi neanche le altre cinque date successive a San Siro: 25 giugno 2008, 7 giugno 2012, 3 giugno 2013 e 3 e 5 luglio 2016. Il fondatore di Barley Arts Claudio Trotta non vuole sentir parlare di situazione di ripiego: "Il prato della Gerascia è stato usato per un concerto dei Pink Floyd, per una due giorni di Ligabue. È uno spazio meraviglioso dentro il Parco di Monza, l’area verde recintata più grande d’Europa. Non si tratta, dunque, di una situazione di ripiego. Abbiamo tenuta aperta questa soluzione fin dall’inizio, in alternativa allo stadio di San Siro. Ricordo peraltro che il prato della Gerascia potrà contenere fino a 70 mila spettatori, mentre al Meazza al massimo 58 mila biglietti".

Già , ma perché non sarà possibile fare esibire Springsteen a San Siro nel 2023? Il motivo è semplice. Il Boss e il suo management hanno deciso di comunicare le date del tour europeo ieri ma fino a pochi giorni fa non hanno ottenuto nessun via libera per il Meazza. Per la precisione, M-I Stadio, la società controllata da Milan e Inter che gestisce lo stadio Meazza, non ha dato nessuna risposta ufficiale a nessun artista e a nessun promoter sulle date dell’estate 2023, con un’unica eccezione, Tiziano Ferro, ma solo perché il suo show del 17 giugno 2023 sarà il recupero di una data saltata nel 2020 a causa del Covid.

"Abbiamo provato in tutte le maniere a fissare la data a San Siro, ma non è stato possibile per ragioni oggettive di cui abbiamo preso atto – commenta Trotta –. Siamo strafelici, in ogni caso, di organizzare il concerto del Boss al Parco di Monza". Per il ritorno di Springsteen nella Scala del calcio, però, mai dei mai. Perché quello del 2023 non sarà l’ultimo tour del rocker americano. L’ha fatto capire lui stesso commentando il suo ritorno in tour: "Dopo sei anni, sono ansioso di rivedere i nostri fedelissimi fan e non vedo l’ora di condividere ancora una volta il palco con la leggendaria E Street Band. Ci vediamo là, il prossimo anno, e anche dopo!".

Quell’"anche dopo" fa intuire un ritorno live, pure in Europa, magari già nell’estate 2024. Insomma, state pronti ad aggiornare le statistiche: Springteen potrebbe ancora toccare quota otto concerti a San Siro. Tornando al 2023, Barley Arts ieri ha comunicato le modalità di prevendita dei biglietti. Speciale pre-sale – per chi ha richiesto un voucher per slittamenti causa Covid per uno spettacolo di Barley e non l’ha ancora utilizzato per intero – oggi fino alle 23.59 per le tappe di Ferrara e Roma e il 30 maggio dalle 10 alle 23.59 per quella di Monza. Le vendite generali, invece, apriranno alle 10 di domani (Ferrara e Roma) e alle 10 del 31 maggio (Monza) per un numero massimo di quattro biglietti per tappa per ogni account (comprensivi di quelli eventualmente acquistati durante la presale).

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?