Un vigile controlla le auto durante una delle passate domeniche ecologiche (foto BusinessPress)

Milano, 1 ottobre 2018 - Nuova regole sulla strada: è il giorno della svolta per i vecchi diesel. Da oggi, lunedì 1 ottobre e fino al 31 marzo 2019 entrano in vigore le norme dettate dall'Accordo di Bacino Padano per la limitazione dell'inquinamento. Questo significa che, salvo eccezioni, in alcune zone delle Regioni che hanno sottoscritto il protocollo - Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte - verrà limitata la circolazione dei veicoli diesel di categoria inferiore o uguale a Euro 3 che non potranno essere utilizzati nei giorni feriali almeno dalle 8.30 alle 18.30. Il provvedimento prevede che "la limitazione si applichi prioritariamente nelle aree urbane dei comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti presso i quali opera un adeguato servizio di trasporto pubblico locale, ricadenti in zone presso le quali risulta superato uno o più dei valori limite del PM10 o del biossido di azoto NO2".  Il riferimento è alle disposizioni del Piano Aria varato dalla Regione, ma anche ad un ulteriore stretta delle regole di Area C.

Con ordine, allora. Quanto alle disposizioni regionali le novità sono due. La prima: i veicoli Euro Zero e i diesel Euro 1 ed Euro 2 da oggi e in via permanente non potranno più circolare dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30 nei 570 Comuni lombardi rientranti nelle fasce 1 e 2. La seconda: sempre da oggi, ma stavolta fino al 31 marzo 2019, i diesel Euro 3 non potranno circolare dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30 nei 209 Comuni lombardi di fascia 1 e nei 5 Comuni di fascia 2 con più di 30mila abitanti. I divieti relativi agli Euro 3 diesel saranno validi ogni anno sempre nella finestra ottobre-marzo. Per capirsi nella fascia 1 rientrano tutti o la maggior parte dei Comuni delle province di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Monza e Brianza, Milano, Mantova e Pavia. Restano fuori solo le province di Sondrio e Varese. La fascia 2 include, invece, anche 56 Comuni del Varesotto. I 5 Comuni della fascia 2 con popolazione superiore ai 30mila abitanti sono Varese, appunto, Lecco, Vigevano, Abbiategrasso e San Giuliano Milanese.

Analogo il capitolo relativo alle due ruote. Per motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione permanente, tutto l’anno, 24 ore su 24, su tutto il territorio regionale. Le limitazioni per motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 1 sono invece in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30, dal primo di ottobre fino al 31 marzo, nei Comuni di fascia 1. Sono esclusi dal blocco i veicoli diesel dotati di «efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili» quali il filtro antiparticolato, i veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap, i veicoli con almeno 3 persone a bordo per favorire il car pooling. La multa prevista per chi trasgredisce varia da 75 a 450 euro.

Quindi il fronte di Area C. Oggi scatta il divieto di accesso nella Cerchia dei Bastioni per i veicoli merci diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato classificati come “diesel pesanti” e i veicoli destinati all’autonoleggio con conducente oltre i 9 posti. "Il nostro Piano recepisce quanto deciso in accordo con le Regioni del Bacino Padano e contiene alcune deroghe che incentivano il car pooling perché la Lombardia ai divieti preferisce applicare un sistema di incentivi che aiutino da una parte a rinnovare il parco auto verso modelli meno inquinanti e dall’altra attraverso tecnologie che rilevino le emissioni in base ai chilometri percorsi" sottolinea Raffaele Cattaneo, assessore regionale all’Ambiente.