Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

Bertoli contro Bellomo in pizzeria

L’uscente: la rinascita di Melegnano prosegua. Il rivale: ora una svolta. D’accordo solo sul sì a nuovi stabilimenti

Da sinistra l’ex sindaco Vito Bellomo. e l’attuale primo cittadino Rodolfo Bertoli
Da sinistra l’ex sindaco Vito Bellomo. e l’attuale primo cittadino Rodolfo Bertoli
Da sinistra l’ex sindaco Vito Bellomo. e l’attuale primo cittadino Rodolfo Bertoli

MELEGNANO

di Alessandra Zanardi

Discutere di politica è più piacevole, se lo si fa davanti a una pizza e una birra. A Melegnano è stata proprio una pizzeria ad ospitare il primo, e originale, confronto pubblico tra aspiranti sindaci. Su iniziativa del titolare Tony Di Bello, venerdì alle 20.30 il Tocky-D di via Montegrappa ha fatto da cornice a un dibattito tra i candidati alle amministrative del 12 giugno. Condotto dal giornalista Andrea Grassani e trasmesso in diretta Facebook, si è trattato di un confronto a due: all’appello del pizzaiolo hanno risposto Rodolfo Bertoli, attuale primo cittadino che tenta il bis col sostegno di Progetto Melegnano e Rinascimento Melegnanese, e Vito Bellomo, in corsa per il terzo mandato col sostegno dell’intero centrodestra dopo aver già vestito la fascia tricolore dal 2007 al 2017.

Assente invece Marina Baudi, candidata di Pd, Cinque Stelle, Insieme Cambiamo e Sinistra per Melegnano, che ha affidato ad un video-messaggio i saluti agli organizzatori e giustificato la sua impossibilità a partecipare col sovrapporsi di vari impegni. Coi sindaci accomodati nel déhor del locale e i cittadini che nei giorni precedenti avevano inserito le loro domande in un’urna, sono stati numerosi i temi affrontati, dalle scuole al rilancio del castello, dalla sanità all’accessibilità dei parchi fino all’emergenza abitativa e ai profughi ucraini, con uno sguardo anche ai progetti urbanistici per la Melegnano del futuro.

Mentre Bertoli ha ricordato l’impegno della sua amministrazione in svariati ambiti, a partire dal tentativo di reperire fondi per la costruzione di una nuova scuola media, Bellomo ha spiegato che la sicurezza è tra i punti qualificanti del suo programma, con l’obiettivo, tra l’altro, di portare in città un distaccamento della Polfer. Su alcuni argomenti i due candidati si sono rivelati sulla stessa lunghezza d’onda: l’arrivo di nuovi poli produttivi e di terziario nella zona industriale, dove s’installeranno un Data-center e la San Carlo, è considerato da entrambi un’opportunità preziosa in termini d’indotto, innovazione e risorse economiche a disposizione della città.

"Abbiamo imboccato la strada di una rinascita che ora deve proseguire", ha concluso il sindaco uscente, evidenziando l’importanza di dare continuità al lavoro intrapreso. Bellomo ha rimarcato la necessità di dare riscontro a varie questioni, compreso il rilancio del commercio di vicinato; il centrodestra ipotizza inoltre la creazione di un palazzetto dello sport in zona Montorfano. Unanime l’appello agli elettori, specie giovani, a non disertare le urne ed esercitare il diritto di voto.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?