Quotidiano Nazionale logo
23 set 2021

Furti in appartamento a Milano, sgominata banda di georgiani: sei arresti

I colpi sarebbero avvenuti tra agosto e settembre 2021 a Milano e Torino. La banda è ritenuta anche responsabile di un raid ai danni di 45 box in zona Lambrate

Milano, 23 settembre 2021 - Dopo decine di furti messi a segno in box e appartamenti tra Milano e Torino, la Polizia di Stato ha individuato e sgominato una banda di ladri, tutti di origine georgiana, effettuando sei arresti tra Milano, Torino e Roma. Dopo le indagini della Squadra Mobile di Milano quattro indagati, gravemente indiziati di diversi furti tra agosto e settembre 2021 a Milano e Torino, sono ritenuti responsabili di un raid ai danni di 45 box ubicati in zona Lambrate, nel capoluogo lombardo. In particolare, due di loro sono stati rintracciati a Torino, dove si erano trasferiti da pochi giorni, un terzo a Roma e il quarto a Milano.

Sempre a Milano è stato  arrestato un altro cittadino georgiano, destinatario di un provvedimento cautelare emesso dal gip presso il Tribunale di Torino, in quanto appartenente ad un'associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione; a Roma, invece, un sesto georgiano, facente parte della banda, è stato arrestato per essere rientrato nel territorio dello Stato senza le dovute autorizzazioni, pur essendo destinatario di un provvedimento di espulsione risalente al 2018.

La Questura di Milano fa sapere che "all'arresto degli indagati si è giunti attraverso pedinamento, analisi delle conversazioni telefoniche ed ambientali intercettate sulle utenze e sulle autovetture. I georgiani avevano un protocollo operativo ben organizzato, una scelta meticolosa degli appartamenti da derubare, una distribuzione operativa dei compiti tra i membri della banda e una grande abilità nell'apertura delle porte d'ingresso con utilizzo di chiavi alterate o grimaldelli. Il furto all'interno dell'abitazione ritenuta accessibile è stato sempre preceduto da accurati sopralluoghi e dall'apposizione di segni distintivi sulle porte degli appartamenti individuati, come un filtrino di sigaretta o frammento di bottiglia di plastica, utili per verificare nei giorni successivi che i residenti nelle abitazioni da svaligiare non fossero rientrati e procedere agli scassi senza correre rischi''.

Mentre alcuni componenti della banda rubava nelle case, in strada rimanevano altri complici in funzione di ''palo'', controllando la presenza delle forze dell'ordine, verificando che all'interno delle autovetture in sosta lungo le vie adiacenti non vi fossero agenti appostati. Nel corso delle perquisizioni, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato numerosi attrezzi per i furti alle abitazioni private oltre a monili in oro, argenteria e denaro contante rubato nelle abitazioni.


 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?