Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 set 2019

Milano, nasce Igoodi: la prima 'fabbrica' di avatar Made in Italy/ VIDEO

Nell'impresa si è cimentato Billy Berlusconi. La piattaforma consentirà agli utenti di inserire una scansione molto realistica di se stessi in diversi contesti virtuali

25 set 2019

Milano, 25 settembre 2019 - Vi piacerebbe provare un vestito direttamente su un e-commerce? Oppure vi farebbe comodo verificare i progressi di riabilitazioni e diete inviando al dottore una scansione a 360° di se stessi? E vi incuriosirebbe entrare in prima persona in un videogame con la fedele rappresentazione del proprio corpo e magari condividere sui social l’esatta riproduzione di sé che sfila in passerella? È proprio da questi desideri che nasce Igoodi, il sogno di Billy Berlusconi (nipote di Silvio e figlio di Paolo ndr), ceo dell’azienda che ha creato la piattaforma tecnologica che punta a creare un mercato di avatar, con applicazioni in diversi settori, dal wellness agli e-sport, dal campo medico alla moda e ai social.

Igoodi è una startup che parte dall’Italia e dal made in Italy - al momento gli uffici sono a Milano e Genova -. Dopo quattro anni di lavoro, ha lanciato il progetto “The digital you”, una piattaforma tecnologica che ha come obiettivo quello di creare avatar del tutto identici al modello reale non solo per scopo ludico, ma anche per mettere un nuovo strumento al servizio di aziende e sanità. Una tecnologia di scansione che parte dal cinema e dal mondo dei videogame e si evolve in un “uovo”, “The gate". Entrando in questo uovo ognuno si potrà creare il proprio avatar, una replica digitale di noi stessi. La scansione avviene in un clic. La procedura è in effetti molto semplice per l’utente: un’app permette di essere “riconosciuti” dal macchinario, poi un “avatar-guida” spiega tutti i passaggi. Infine ci si piazza al centro della sfera e si aspetta pochi secondi. Uno scatto simultaneo permetterà di ottenere una foto da (quasi) ogni angolazione. Il computer farà il resto e infine l’avatar sarà “spedito” all’app sullo smartphone. O potrà stampare un modellino in 3D.

L`obiettivo è fare in modo che il nostro "io digitale" in 3D possa renderci più facile la vita, prendendosi carico di tante incombenze quotidiane. "Oggi presentiamo Igoodi, una start up italiana dove creiamo avatar fotorealistici - ha spiegato Billy Berlusconi - Puntiamo alla creazione di un mercato di questi avatar che non esistevano fino ad oggi. Abbiamo creato un sistema, una piattaforma tecnologica che permette di creare il proprio avatar, di farlo vivere in un ambiente virtuale e metterlo in collegamento con le aziende". E ha aggiunto: "Stiamo andando in un mondo sempre più digitale e bisogna avere la consapevolezza che esiste una vita reale. Credo che l'avatar possa essere uno strumento che potrà semplificarci la vita per darci più tempo da vivere nella vita reale".

Forte del suo know how e d’importanti collaborazioni a fini di ricerca con enti come Politecnico di Milano e Università degli Studi di Verona, Igoodi rappresenta di fatto l’unica realtà italiana a possedere una vision multisettoriale per quanto concerne l’applicazione pratica dell’avatar nella vita di tutti i giorni: sono infatti diversi i settori che secondo la Company possono avvantaggiarsi di questa nuova tecnologia: dal fashion agli e-commerce, dal wellness al medicale, dai social agli e-sport, centinaia di grandi aziende e PM. 

Basti pensare al settore della moda e agli store online: grazie alle millimetriche misure morfologiche dell’utente, rilevate durante la scansione, si genera la possibilità di acquistare capi di abbigliamento sul web con la certezza della taglia esatta, riducendo in questo modo il problema dei resi, o provare direttamente sull’avatar abiti e accessori generati in 3D: un’innovazione che rivoluzionerà anche il mondo dei casting per le sfilate, integrando la versione digitale di modelle e modelli che ne certifichino aspetto e misure. Lo stesso discorso vale per social network, dove le aziende avranno la possibilità di aumentare l’engagement stimolando gli utenti a partecipare a iniziative espressamente studiate per i loro avatar.

Anche nel mondo dei videogame, i semplici appassionati tanto quanto i professionisti degli e-sport potranno entrare in prima persona nel vivo dei loro giochi preferiti attraverso il download del proprio avatar. Anche il settore wellness verrà rivoluzionato dagli avatar: ad esempio presto sarà possibile verificare i progressi legati alla propria forma fisica e visualizzare in 3D i risultati degli allenamenti attraverso il confronto di scansioni periodiche corredate dalle misure corporee, mentre le informazioni connesse all’avatar potranno essere messe a disposizione di personal trainerfisioterapisti e nutrizionisti per programmare il percorso di miglioramento dello stato fisico di clienti e pazienti.

Nel settore sanitario, e in particolare nel campo ortopedico, l’avatar e la scansione del corpo rendono possibile la stampa di tutori 3D perfettamente coerenti con le misure fisiche del paziente. In dermatologia invece si generano importanti possibilità diagnostiche, ad esempio per la mappatura dei nei. Infine, in tema di riabilitazione motoria, mostrare al paziente un altro “se stesso digitale” compiere correttamente un determinato movimento può stimolare positivamente i suoi neuroni specchio facilitando così il cervello nell’apprendimento del movimento stesso. Sono solo alcuni esempi, in generale il futuro della avatar technology muove oggi i primi passi ma gli si prospetta una lunga vita con sempre più numerose applicazioni in campi diversi: è proprio la figura umana con la sua straordinaria unicità a consentire tutto questo.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?