Arrigo Giana, direttore generale di Atm
Arrigo Giana, direttore generale di Atm

Milano, 14 aprile 2018 - A partire da giugno sarà possibile superare i tornelli delle stazioni della metropolitana semplicemente appoggiandovi la carta di credito. Che Atm stesse lavorando in questa direzione era già stato anticipato su queste pagine, ora c’è una tempistica: ieri, a margine della seduta della commissione comunale Mobilità, Arrigo Giana, direttore generale dell’azienda di trasporto, ha fatto sapere che si conta di partire per giugno. «La carta di credito si potrà utilizzare su tutte le linee della metropolitana – spiega Giana –. Inizialmente in ogni stazione ci sarà un solo tornello dotato del software per leggere la carta, partiamo in modalità sperimentale».

A provvedere al servizio sarà Banca Intesa San Paolo, con la quale si è pattuito una commissione del 4,3% per ogni transazione (a carico di Atm per la fornitura del servizio). «Tra un anno questa percentuale sarà rinegoziata sulla base del volume delle transazioni che si sarà generato nel frattempo» precisa ancora il direttore generale di Atm. Nervo sempre scoperto, quello delle sanzioni a chi viene sorpreso senza biglietto. Stando ai dati presentati ieri in commissione, nel 2017 sono state comminate 220mila multe, il 12% in più rispetto al 2016. E nel primo trimestre del 2018 le sanzioni sono ulteriormente cresciute del 20,4% rispetto al 2017 e del 35% rispetto al 2016 con una percentuale di passeggerio controllati dichiarata oltre iol 60%. Snodo decisivo per le sorti dell’azienda e del trasporto pubblico locale, la Giunta ha ieri approvato la proroga del contratto di servizio che lega il Comune ad Atm. Una proroga fino al 31 ottobre 2020, una proroga già annunciata e che farà da preludio al lancio di un bando di gara per riaffidare il servizio.

«La proroga del contratto di gestione riguarda i servizi di trasporto pubblico locale, i sistemi di pagamento per l’accesso ad Area C, le attività di manutenzione e gestione delle tecnologie e degli impianti del sistema integrato di controllo del traffico e del territorio, la sosta a pagamento, la rimozione e la custodia dei veicoli e il bike sharing a stallo fisso» si legge nella nota diramata da Palazzo Marino. «Due le ragioni di questa proroga – spiega Marco Granelli, assessore comunale alla Mobilità –: al contratto di servizio per il trasporto pubblico locale si applica il regolamento della Comunità Europea secondo il quale a fronte di investimenti di importante entità il contratto di servizio può essere prorogato fino al 50% della sua durata. A questo proposito Atm Spa, subentrata per fusione ad Atm Servizi lo scorso 22 gennaio, ha quantificato gli investimenti in manutenzione straordinaria per le infrastrutture di rete di proprietà del Comune per 759,8 milioni di euro. Inoltre il nuovo quadro normativo stabilisce che le procedure per l’affidamento del servizio del trasporto pubblico siano attribuite alla neonata Agenzia di Bacino che ha avviato le proprie attività nel 2017 e, come emerge dal documento di programma redatto a marzo, potrà perfezionare il nuovo affidamento non prima della metà del 2020».

giambattista.anastasio@ilgiorno.net