Carabinieri (Foto di repertorio)
Carabinieri (Foto di repertorio)

Milano, 29 ottobre 2020 - Un 49enne di Paderno Dugnano, comune al confine tra Milano e la Brianza, è stato fermato dai carabinieri perché considerato responsabile della morte dello zio della moglie, malato terminale, di cui si prendeva cura. Il fermo è stato eseguito nella serata del 22 ottobre, su mandato del pm di Milano, Nicola Rossato, con l'accusa di omicidio: la vittima P.F., un uomo di 87 anni, era morto infatti in circostanze sospette lo scorso 10 ottobre all'ospedale di Garbagnate. A denunciare l'anomalia in corsia è stato un medico, che ha riferito come l'anziano, malato terminale, fosse sottoposto a ventilazione polmonare e fosse in trattamento con terapia sedativa; nei giorni precedenti però aveva ricevuto una dose particolarmente elevata di farmaci, ottenuta con la manomissione del macchinario di infusione. La situazione in poche ore era precipitata portandolo alla morte. 

Dalle indagini interne dell'ospedale e dall'ascolto dei testimoni da parte dei militari, è emerso che proprio nelle due serate precedenti al decesso un uomo, che si
era presentato come il nipote, era in stanza ed era intento ad accudire la vittima. I militari hanno quindi acquisito la cartella clinica e analizzato il registro eventi del
macchinario: proprio durante quelle serate all'87enne era stato iniettato il sedativo ad una velocità di molto superiore a quella prevista. La conferma è poi arrivata dalle analisi delle telecamere di videosorveglianza dell'ospedale e dai tabulati telefonici dell'indagato.

Peraltro il 49enne è anche infermiere professionale e operatore di rianimazione, ed era dunque ben consapevole del funzionamento della pompa di infusione; inoltre aveva ricevuto dall'ospedale il permesso esclusivo di visitare l'anziano. Il fermo è scattato per pericolo di fuga: il 22 ottobre, infatti, l'uomo non si era presentato al lavoro senza motivo ed era stato localizzato all'aeroporto di Linate, da cui aveva prenotato un volo di sola andata per Parigi. I militari hanno accertato che, una volta arrivato all'imbarco, aveva però deciso di rinunciare al volo ed era tornato a casa: qui è stato fermato. A convalidare il provvedimento è stato il gip che ha disposto gli arresti domiciliari.