Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 gen 2022

Adda Nord, nuovo piano Il parco guarda al futuro

Entro febbraio l’approvazione da parte dell’assemblea dei Comuni consorziati. Si punta su percorsi di mobilità dolce, attività culturali e turismo sostenibile

21 gen 2022
monica autunno
Cronaca
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili
Tra i progetti ipotizzati nel Ptc, anche la promozione di attività compatibili

di Monica Autunno Conferenza di Vas (Valutazione ambientale strategica) conclusa con semaforo verde, si procede: il Piano territoriale di coordinamento (Ptc) del Parco Adda Nord approderà alla Comunità (assemblea plenaria) dell’ente per l’adozione entro febbraio. Sulla carta il Parco dei prossimi dieci anni, fra tutele e vincoli ambientali, promozione di attività compatibili, mobilità dolce e consacrazione turistica. L’adozione del “piano regolatore“ urgente sul fronte normativo. Il vecchio piano è in salvaguardia da tempo immemorabile, l’iter per il nuovo si è ripetutamente impantanato in passato. Il parere sulla Vas è stato emanato nei giorni scorsi. Lo strumento che andrà in adozione nella Comunità del Parco (ovvero l’assemblea dei Comuni) dovrà recepire alcune prescrizioni. Dopo il periodo di esposizione del carteggio sul sito dell’ente erano pervenuti, e sono messi a verbale con relativo accoglimento o no, 34 contributi da enti, privati, Comuni e associazioni: richieste di stralcio o inserimento nel perimetro, riclassificazione di aree, restringimento o allargamento di vincoli e divieti. Le osservazioni vere e proprie arriveranno dopo l’adozione, durante i 60 giorni canonici di pubblicazione sul Burl. L’iter per il Ptcp era stato reintrapreso dal direttivo guidato dall’avvocato lecchese Francesca Rota sin dai primi giorni dell’insediamento, tre anni fa. Nei cassetti dell’ente uno strumento vecchio anagraficamente a fronte di un territorio e di esigenze mutati e in mutamento. La dirigenza dell’ente aveva aperto il percorso con una fase di consultazione dei 37 comuni consorziati. Nel giugno 2020 l’avvio della procedura di Vas e la prima conferenza; la seconda, dopo un lungo periodo di pubblicazione sul sito del Parco, si è tenuta a dicembre. Nel frattempo erano pervenuti i contributi, 34 da 29 soggetti: molti Comuni d’area, Ats, Brianzacque, Sovrintendenza ai Beni Ambientali, Wwf e Legambiente, Coldiretti, Confagricoltura e operatori privati. Nel verbale finale motivazione e dettaglio dell’accoglimento o bocciatura degli spunti. L’ok ratifica la compatibilità del piano, la Comunità ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?