Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 lug 2022
24 lug 2022

"Accade continuamente, il problema non può più essere ignorato"

24 lug 2022
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre
Lo sgombero dei tunnel della Centrale, lo scorso dicembre

Il video del ragazzo con la gola insanguinata abbattuto con un calcio da kung-fu può sbalordire chi vive molto lontano dalla Stazione Centrale. "Dovrebbe vedere la chat del nostro condominio: foto, video, è un bollettino di guerra - ragiona Massimo Cavallaro, presidente dell’associazione “I vitruviani“ che si batte per il decoro di questo pezzo di Milano –. Rapine, scippi, violenza spicciola: li vedo coi miei occhi anche in pieno giorno, li vediamo quotidianamente in via Vitruvio, in via Lepetit", in questa geografia di dintorni della stazione, attrattrice anche di traffici vari e varie disperazioni.

Irma Surico è presidente dell’associazione 4Tunnel che dal 2013 ripuliva a proprie spese dai graffiti i muri dei sottopassi che collegano il quartiere spezzato dalla ferrovia, "ma da un anno non riusciamo a effettuare un intervento lì", perché quei tunnel sono abitati da senzatetto "spesso ubriachi e aggressivi" che vivono "in condizioni proibitive. Quando il Comune è intervenuto per allontanarli sono esplose le polemiche, ma bisogna trovare loro un’alternativa, e se non si possono costringere, fare di più per convincerli. Così non è giusto per loro e per noi: i genitori hanno paura per i bimbi che percorrono i tunnel per andare a scuola, io prendo l’auto per andare al mercato. Abbiamo un grosso problema di sicurezza, che viene ignorato".

"Lo si ricorda quando un video diventa virale, o quando la Ferragni fa un post, e bisogna ringraziarla perché porta attenzione su un problema che non si vuol mettere in agenda – continua Cavallaro –. Un’amministrazione ha il dovere di ascoltare i cittadini, non può limitarsi a rispondere che i numeri della criminalità sono in calo. Non è facile trovare una soluzione, ma bisogna mettersi intorno a un tavolo e affrontare il problema. Milano è una città straordinaria, piena di opportunità; è inaccettabile essere rapinati in corso Buenos Aires".Giulia Bonezzi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?