Vino
Vino

Milano, 16 settembre 2020 - Dal 3 all'11 ottobre 2020 appuntamento nel capoluogo meneghino con la terza edizione della Milano Wine Week, con interessanti novità e iniziative un punto di ripartenza del settore agroalimentare italiano. La kermesse è stata presentata questa mattina nella sede della Confcommercio milanese. La manifestazione segna quindi la ripresa dei grandi eventi legati al comparto vitivinicolo in Italia, molti dei quali sono stati forzatamente rimandati al prossimo anno a causa dell'emergenza legata al Covid-19.

Proprio da questa situazione e dall'esigenza di svolgere un evento in piena sicurezza sono state concepite molte delle novità introdotte da Federico Gordini, Presidente della Milano Wine Week: "Abbiamo deciso di replicare l'impianto e il format che tanto successo ha riscosso nelle precedenti edizioni migliorandolo in un'ottica di innovazione, cambiamento e sicurezza e soprattutto allargando i nostri orizzonti verso i mercati esteri - ha spiegato -. Grazie alla piattaforma digitale Digital Wine Fair i produttori e le aziende espositrici potranno incontrare buyer, operatori e stampa di tutto il mondo, dal Nord America all'estremo Oriente, dalla Russia all'Australia. Lo facciamo nella convinzione che il prodotto vino sia elemento di traino per la ripresa dell'Italia grazie ai 13 miliardi di fatturato annui che porta in dote e allo stretto rapporto con il mondo della ristorazione e dell'ospitalità".

Ricco il calendario degli eventi previste nell'arco dei 9 giorni. Degustazioni, presentazioni e incontri e l'immancabile coinvolgimento diretto della città grazie ai 7 Wine District: altrettanti quartieri fra i quali Brera, Isola, Porta Nuova e Navigli dove i Consorzi di Produttori presenteranno, nei locali aderenti, le loro ultime novità e i loro vini più rappresentativi. Altro hub della manifestazione il Babila Building. Qui 30 chef prepareranno piatti in abbinamento e in pairing con vini di ogni parte d'Italia nello spazio organizzato da La Cucina Italiana.