Appuntamento col gusto a Robecco sul Naviglio
Appuntamento col gusto a Robecco sul Naviglio

Milano, 4 settembre 2020 - Divagazioni nella campagna lombarda. Per imbattersi negli alimenti più amati dagli italiani: la pizza, il gelato ma anche sua maestà «il risotto». Che è come dire: prendere la gente per la gola. Con unico sacrificio: affrontare un breve viaggio in auto da Milano (20 minuti), direzione autostrada A4 e uscita Marcallo-Mesero, oppure - perché no? - anche in bici, seguendo il Naviglio Grande, con la possibilità eventuale di caricare la due ruote su un treno che dalla Stazione di Porta Genova porta ad Abbiategrasso. In ogni caso, quello di domani e domenica sarà comunque un «fuori porta» stuzzicante, perché la destinazione finale - Robecco sul Naviglio - è gradevolissima. E ad attendere gli escursionisti gourmet ci sarà l’ultima puntata del “Weekend del Gusto” nella deliziosa Villa Terzaghi, contenitore della manifestazione promossa dall’associazione culturale “Maestro Martino” presieduta da Carlo Cracco che per questo fine settimana ha predisposto un programma più che appetibile all’insegna dello slogan “I sapori della Lombardia incontrano la Campania e la Sicilia”.

Se lo merita la pizza, che domani verrà interpretata da Andrea Provenzani, chef del ristorante Liberty di Milano, autore di una versione gourmet con una nuova ricetta che promette di esaltare i migliori prodotti agricoli del Parco del Ticino. Sfida peraltro affrontata, domenica, anche dalla chef Sara Preceruti (ristorante Aquada), senza dimenticare i maestri del calibro di Pierangelo Chifari e Salvatore Lionello, ambasciatori di pizze rispettivamente in versione siciliana (domani) e campana (domenica). Riflettori puntati anche sul risotto. Debutterà domani pomeriggio (tra le 18 e le 19) David Fiordigiglio, chef ambassador Franciacorta, con l’iconico piatto meneghino a base di riso «Riserva San Massimo», burro acido, gamberi rossi e limone di Amalfi, mentre domenica a mezzogiorno, Fabrizio Ferrari (ristorante Enoteca Raiteri di Casorate Primo) darà vita ad un risotto con aglio, olio e peperoncino.

Infine il gelato, meraviglia italica che a Villa Terzaghi richiamerà i migliori artigiani del Belpaese: tra gli altri, i toscani Sergio Dandoli e Lavinia Mannucci, il ligure Marco Venturino e il duo pugliese Enzo Di Noia e Mauro Altomare deciso a stupire i presenti con il Gusto Dolce Amaro, uno zabaione variegato con torrone sbriciolato, cioccolato croccante e amarena, tenendo comunque conto che il momento-clou sarà domenica, quando il pubblico potrà assaggiare i preparati di una quindicina di maestri gelatieri provenienti da mezz’Italia. Degustazioni a pagamento in entrambi i giorni (domani, fino alle 22.30), accesso libero al parco di Palazzo Terzaghi e severo rispetto delle restrizioni anti-Covid-19, Come dire: il buono, ma ad occhi aperti.