Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Milano, presidio di protesta contro Salvini e Orbán

Piazza San Babila, iniziativa dell’associazione «Insieme senza muri»

di NICOLA PALMA
Ultimo aggiornamento il 26 agosto 2018 alle 09:54
ALTA TENSIONE In alto, l’ultimo corteo contro i muri a Milano; sopra, il vicepremier e ministro dell’Interno, il leghista Matteo Salvini

Milano, 26 agosto 2018 - Salvini-Orbán in Prefettura, scatta il presidio di protesta in centro. A due giorni dal vertice tra il ministro dell’Interno e il premier ungherese sul tema dell’immigrazione, l’associazione «Insieme senza muri» e i Sentinelli di Milano hanno lanciato la mobilitazione «Europa senza muri» in piazza San Babila, raccogliendo l’invito del leader di Possibile Giuseppe Civati: il numero delle adesioni ha già scollinato quota mille (con più di 5mila persone interessate), stando a quanto riferito sulla pagina Facebook creata per annunciare l’evento sui social. «Due muri a confronto e un’idea d’Europa sovranista e nazionalista che non ci appartiene – spiegano gli organizzatori –. Orbán deve fare la sua parte, Salvini deve smettere di giocare con la vita dei migranti».

L'obiettivo dichiarato: «Ricordare a entrambi il valore della solidarietà e dell’accoglienza». In piazza, a poche centinaia di metri da Palazzo Diotti, ci saranno pure le bandiere del Partito Democratico, che ha subito aderito alla manifestazione: «È gravissimo – attacca il segretario metropolitano e consigliere regionale Pd Pietro Bussolati – che Salvini incontri il primo ministro ungherese proprio a Milano, città che negli anni ha saputo coniugare sviluppo e inclusione, svendendo la nostra città e i milanesi». «Ci saremo anche noi – gli fa eco l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino –. Per contrapporre alla violenza delle loro politiche il valore dell’accoglienza e della responsabilità nella gestione dell’immigrazione». Anche l’Anpi sarà presente: «Il Governo italiano, a guida salviniana, sta imboccando la via della violazione delle regole, dei trattati internazionali e dell’articolo 2 della Costituzione che parla di solidarietà e di accoglienza», scandisce il presidente provinciale Roberto Cenati. E la squadra di calcio di migranti St. Ambroeus Fc ha annunciato un «allenamento sotto la Prefettura», azione dimostrativa contro «un’Europa in cui movimenti xenofobi e apertamenti razzisti hanno sempre più voce in capitolo». «Il Pd non ce la fa proprio – ribatte la consigliera regionale di centrodestra Silvia Sardone –. Si compatta e scende in piazza solo per temi pro immigrazione».

Intanto, c’è da registrare pure la presa di posizione dei capigruppo di Camera e Senato del Movimento 5 Stelle, alleato della Lega nell’esecutivo Conte: l’incontro tra Salvini e Orbán, spiegano Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, «va considerato come solo ed esclusivamente politico e non istituzionale e governativo». Il motivo? «I Paesi che non aderiscono ai ricollocamenti e tutti quelli che nemmeno si degnano di rispondere alla richiesta d’aiuto dell’Italia, ignorando la necessità di condividere l’accoglienza, per noi non dovrebbero più ricevere i fondi europei. E tra questi, al momento, c’è anche l’Ungheria».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.