Milano, 7 marzo 2018 - La famiglia più lugubre al mondo torna a cantare: al Teatro Nuovo di Milano dal 9 al 25 marzo è di scena 'La famiglia Addams', diretto da Claudio Insegno con le coreografie di Valeriano Longoni e le musiche curate dal maestro Angelo Racz.

Protagonista del musical che esordì a Broadway nel 2010, nei panni di Gomez, è Gabriele Cirilli, nuovo alla commedia musicale ma non alla fusione di linguaggi: «La scuola di Proietti richiedeva che ballo, canto e recitazione fossero sullo stesso piano - racconta all'Ansa l'attore - ho accettato perché è una bella sfida dopo 30 anni di carriera, ma anche per quel personaggio, un padre normale nonostante tutto». «Al di là del paradosso, gli Addams amano la vita, anzi sembrano una famiglia allargata napoletana, con problemi comuni, dalla figlia che cresce alle bugie tra moglie e marito», ribadisce Claudio Insegno. Nel cast Jacqueline Maria Ferry (Morticia), Lucia Blanco e Alfredo Simeone (Mercoledì e Pugsley), Umberto Noto (zio Fester) e Annamaria Schiattarella (nonna). «I nostri personaggi sono cartoni animati, sopra le righe, e l'impatto visivo vuole ricordare il bianco e nero del telefilm: il pubblico deve riconoscere quello che vede», dice Insegno. Questa impostazione scenica e attoriale distinguerebbe l'attuale produzione (proveniente da Parigi) dall'allestimento del 2014 con Elio e Geppi Cucciari, del cui cast tornano solo Filippo Musenga e Andrea Spina nelle parti di Lurch e Mal Beineke. «Può essere pericoloso riprendere uno spettacolo recente, specie se non ha lasciato un buon ricordo, ma non si possono fare paragoni - conclude Insegno -. La nostra versione è unica: a me piace riadattare, aggiungere battute pur senza uscire dal tracciato. In questo modo e togliendo una canzone abbiamo ottenuto un ritmo maggiore rispetto all'originale».