Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Al Mondadori Megastore di Milano la mostra Kultur No-Selfie

Un ritorno al fascino della tela in un presente fatto di selfie: ecco la mostra nella Sala Eventi del Megastore Mondadori, aperta fino al 23 settembre. 

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 14:57
Kultur No - Selfie
Milano, 12 settembre 2018 - In un mondo dominato sempre di più dai selfie, torna la bellezza del dipinto su tela. Tutto merito della mostra Kultur No-Selfie del maestro Luca Vernizzi che si terrà fino al 23 settembre 2018 presso lo Spazio Eventi del Mondadori Megastore, in Piazza Duomo a Milano. L’esposizione, curata da Angelo Crespi, prende proprio spunto dalla moda inarrestabile dei selfie, quasi una pratica maniacale della cultura contemporanea.

A contrastare i selfie che dominano soprattutto nei social network, ci pensano i ritratti del maestro Luca Vernizzi. La tecnica dell’artista è caratterizzata da un effetto pittorico di finito/non finito che, talvolta, ricorda alcuni capolavori di Leonardo Da Vinci. La mostra parte proprio dall’autoritratto, elemento così vicino e così lontano dal selfie. Da un lato abbia i selfie, la necessità imperante e maniacale di autocelebrarsi e autoritrarsi, quasi un obbligo a proporre una serie praticamente infinita di immagini di se stessi.

Dall’altro lato, invece, abbiamo il ritratto dipinto, cioè il desiderio di lasciare una singola immagine, la più significativa che, al contrario dei selfie, non finisce nel momento dello scatto, bensì si dilata nel tempo. Luca Vernizzi ha dipinto sia persone che paesaggi o nature morte, in formati piccoli o giganti, ma si è spesso concentrato sui ritratti. Proprio nella morta Kultur no-selfie (il titolo è volutamente provocatorio), l’artista ci propone ritratti di figure della cultura e dell’arte milanese, dipinti dedicati a una futura serie sugli intellettuali italiani.  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.