Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
2 giu 2022

Previsioni meteo, temporali con grandine in arrivo: dove e quando

Dopo un 2 giugno di caldo africano con punte che hanno superato i 30°, potrebbe fare irruzione la pioggia. Scatta l'allerta gialla

2 giu 2022
Milanesi e turisti in fuga da piazza Duomo per pioggia improvviso, Milano 21 settembre 2020, ANSA / PAOLO SALMOIRAGO
Temporale a Milano
Milanesi e turisti in fuga da piazza Duomo per pioggia improvviso, Milano 21 settembre 2020, ANSA / PAOLO SALMOIRAGO
Temporale a Milano

Milano, 2 giugno 2022 -  Allerta meteo, nelle prossime ore, in Lombardia, in particolare a Milano e in pianura. Poi, il maltempo si estenderà al Centro e sSd Italia.

Dopo una giornata di caldo africano con punte che hanno superato i 30°, da domani sera, venerdì 3 giugno, e per 24 ore sono possibili piogge e temporali. Per questo il Centro funzionale monitoraggio rischi di Regione Lombardia ha diramato un'allerta meteo gialla che riguarda anche il nodo idraulico di Milano e il Centro operativo comunale (COC) della Protezione civile sarà attivo per monitorare e coordinare gli eventuali interventi.

Stando agli esperti di 3bmeteo, infatti, il riscaldamento dell'aria e la risalita forzata delle correnti in corrispondenza dei rilievi alpini fornirà quella vorticità necessaria alla formazione di nubi cumuliformi, anche imponenti che si assoceranno a rovesci e temporali localmente intensi e accompagnati da grandinate. Questi temporali per lo più si formeranno al Nord, sul resto della Penisola a parte qualche velatura o stratificazione che accompagnerà l'ulteriore rimonta anticiclonica il tempo resterà stabile e sarà anche molto caldo e afoso

Quello che le regioni settentrionali sperimenteranno nella seconda parte del weekend, prò, toccherà anche al Centro e al Sud nei primi giorni della nuova settimana. Non sarà la stessa perturbazione ma una seconda, che metterà fine all'intensa ondata di caldo africano portando venti freschi e molti temporali, anche forti. Si tratterà di un cambio di scenario radicale che vedrà l'affermazione di una saccatura sul nord Europa con obiettivo anche il Mediterraneo centrale. L'esordio probabilmente nella notte tra lunedì e martedì poi il passaggio vero e proprio tra martedì e mercoledì e infine gli strascichi giovedì.  

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?