Trezzo sull’Adda (Milano), 17 maggio 2018 - La Tritium sogna ad occhi aperti: a settembre, infatti, grazie alla promozione conquistata sul campo i biancazzurri giocheranno nel campionato d’Eccellenza. Un torneo importante, vicino al semiprofessionismo della serie D, che fa capire le ambizioni della società guidata dal presidente Juri Camoni: «Sono molto felice per l’ottima stagione che abbiamo appena concluso – commenta il numero uno -. La Tritium, per la sua storia, merita i grandi palcoscenici del calcio e spero che prima o poi ci ritorni».

Sembra passata un’epoca, ma solo cinque anni fa la squadra di Trezzo sull’Adda si confermava in Prima Divisione di Lega Pro (l’attuale Serie C) vincendo i playout contro il Portogruaro. Di lì a poco, però, i tifosi biancazzurri avrebbero avuto pochi motivi per esultarea: dopo varie vicissitudini, che hanno portato il passaggio della società dallo storico presidente Ercole Ghezzi (al timone per 12 anni) al patron Domenico Di Conza, la Tritium è sprofondata nell’anonimato. Dopo le mancate fidejussioni, che hanno allontano i biancazzurri dalla Lega Pro prima, e successivamente dalla Serie D ed dall’Eccellenza, alla fine la compagine di Di Conza dovette iscriversi nel campionato di Promozione. Una magra consolazione perché la Tritium alla fine del campionato 2013-14 avrebbe alzato bandiera bianca, con la prima squadra sparita, e solo il settore giovanile rimasto timidamente a fare presenza sul campo di via Rocca.

«È stato un brutto periodo per tutti i tifosi della Tritium, me compreso» ricorda Camoni. Dopo il buio è tornata la luce: Camoni, nell’estate 2015, ha preso in mano il sodalizio trezzese. Nel 2016-17 i biancazzurri hanno giocato in Prima Categoria, per poi conquistare quest’anno l’Eccellenza: «Quando ho preso il timone, avevo dichiarato che nel giro di tre anni avremmo visto grandi cose e, finora, non ci siamo sbagliati. L’appetito vien mangiando e per la prossima stagione ci prepareremo al meglio». Nonostante la promozione, quest’anno in panchina c’è stato un ribaltone, con il tecnico Marco Sgrò, ex giocatore dell’Atalanta, che ha preso il posto di Paolo Rizzi dopo sole 10 giornate. «Sono contento di quello che abbiamo fatto – dice l’allenatore – e sono contento di proseguire questo progetto anche in Eccellenza». Nella stagione 2018-19, inoltre, saranno confermati anche i difensori Riccardo Serrano, Riccardo Bertaglio, Nicolò Secchi e Lorenzo Caferri, i centrocampisti Matteo Marinoni, Mattia Mapelli e Romolo Legrati e gli attaccanti Marco Musella, Matteo Galbiati e Matteo Gabellin, mentre non ci sarà più il capitano Yuri Cortesi.