Un colloquio di lavoro

Segrate (Milano), 19 agosto 2018 - Attese  17mila richieste di lavoro, una valanga di opportunità in arrivo per l’hinterland milanese. Con l’apertura dei cantieri di Westfield Milano – lo “shopping mall” più grande d’Europa, che sta per essere costruito a Segrate – sono attese anche le prime assunzioni. E, per gestire le richieste di lavoro, a settembre verrà aperto nel municipio segratese lo Sportello Lavoro Sud Est Milano, gestito da Afol Metropolitana. Sarà il punto di accesso per tutti i cittadini in cerca di un’occupazione, qui verranno vagliati milioni di curricula, effettuati i primi colloqui di selezione, gestite le richieste che nasceranno con l’indotto del centro commerciale. "L’apertura dello sportello lavoro – dice il sindaco di Segrate, Paolo Micheli – è segno che, anche sul fronte lavoro, i primi risultati sono già arrivati. Sarà il punto di riferimento per tutto il territorio e gestirà soprattutto le offerte occupazionali che arriveranno da Westfield, destinate in gran parte ai segratesi. La strada giusta è questa".

In vista dell’affare Westfield, lo scorso dicembre il Governo aveva varato il “Patto territoriale per il lavoro”, un accordo di programma siglato da Regione, Città metropolitana e 30 sindaci del territorio per gestire i 17mila posti di lavoro annunciati dagli australiani. Le prime assunzioni arriveranno già nella fase di costruzione – che partirà in autunno – con la richiesta di tecnici e manovalanza. Poi ci saranno i negozi di brand importanti, che apriranno nel 2021, tra cui “Galeries Lafayette”, che proprio a Segrate aprirà il suo primo “flagship store” in Italia. Westfield investirà 1.4 miliardi di euro per realizzare una maxi struttura di vendita di 240mila metri quadri di superficie, con 300 negozi, 50 tra ristoranti e locali, un Uci Cinemas con 16 sale. Una macchina che, una volta a regime, dovrebbe generare vendite annue superiori a 1 miliardo di euro.