Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Benemerenze a Segrate, volano alto le “Api d’Oro”

Tra gli insigniti Roberto Burioni e Mario Giuliacci: "Orgogliosi di questo premio"

di ANDREA CANALI
Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 07:14
Il noto virologo Burioni col sindaco Micheli

Segrate (Milano), 10 settembre 2018 - Diciannovesima edizione delle Api d'Oro, cerimonia  «certamente meno nota e importante rispetto a benemerenze civiche più blasonate, ma ricca di valore e significato per una città che ancora una volta ha saputo mostrare il suo volto migliore». È un Paolo Micheli emozionato, il sindaco che ancora una volta, assegna le benemerenze a chi «per meriti, capacità e impegno – ha detto all’affollatissima presentazione nella sala civica del centro Giuseppe Verdi – ha dimostrato come la nostra città sappia esprimersi al meglio». Con nomi e volti capaci di ottenere riconoscimenti ben oltre i ristretti confini comunali, come nel caso del noto virologo, immunologo e ricercatore del San Raffaele di Milano Roberto Burioni, cittadino segratese conosciuto anche per l’impegno prestato nella divulgazione sul delicato tema dei vaccini e del contrasto alla disinformazione, o dell’altrettanto volto noto, ma in tutt’altro campo, quello del colonnello Mario Giuliacci esperto indiscusso di previsioni meteo, ma anche cittadini benemeriti che si sono distinti in campi professionali, sociali e culturali. Premiati quindi anche Mascia Bartesaghi, impegnata nel mondo della scuola, Giuseppina Pugliese Limentani, inarrestabile anima del quartiere San Felice e Tommaso Rossini, ricercatore, fisico, inventore e anche ex amministratore comunale.

È però Roberto Burioni a offrire l’immagine più potente del valore e del significato delle benemerenze: «Sono doppiamente onorato nel ricevere l’Ape d’oro, in primo luogo perché arriva dal primo posto che posso chiamare casa, poi per il simbolo stesso, l’ape, animale pacifico e operoso, che però se disturbato punge. E in certi casi, per combattere oscurantismo e disinformazione è proprio necessario pungere». Emozionato, il virologo ha raccontato come Segrate sia stata la prima città dove si è fermato e ha posto le radici sue e della sua famiglia con la moglie Annalisa e la figlia dopo anni in giro per il mondo. Anche il metereologo più famoso d’Italia ha sottolineato come il premio ricevuto dalla sua città e da quel sindaco che è stato anche alunno alle scuole elementari della moglie Valeria, sia uno dei «più bei riconoscimenti di cui la vita mi abbia mai gratificato».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.