La contestazione
La contestazione

Inzago (Milano), 9 gennaio 2019 - La caldaia va a singhiozzo, le magagne sono decennali, e gli studenti scendono sul piazzale. Presidio e striscioni ieri mattina per i ragazzi dell’Istituto d’Istruzione superiore Marisa Bellisario: «Non una protesta contro la scuola, una delle migliori. Ma contro l’incuria e la mancata manutenzione». A scatenare la protesta, organizzata al gelido rientro dopo le vacanze, un’annosa vicenda impiantistica. «Non è che il riscaldamento non funzioni – così gli studenti – è che funziona, nell’ala nuova, in alcune zone sì e in altre no. Alcuni di noi gelano e altri bollono. Ogni anno ci risiamo».

Ma la caldaia non è tutto. La scuola, la cui ala nuova è stata realizzata non più di una quindicina di anni fa, soffre di problemi di manutenzione già più volte segnalati: «Innanzitutto l’ala nuova manca di ascensore, fuori uso. Un problema per i disabili e non solo: chiunque sia infortunato o abbia qualsiasi problema di movimento soffre un grave disagio. Ma c’è altro: infiltrazioni in palestra, una rampa fra i plessi pericolosa». A latere anche una questione di carattere scolastico, una circolare adottata dal Collegio dei docenti che inibisce per due mesi l’uso del cortile e degli spazi esterni durante l’intervallo. «Non lo riteniamo giusto – dice, a nome dei compagni, Niccolò Sclarandi, rappresentante degli studenti – Questo momento d’aria è fondamentale per gli studenti». Al presidio sono intervenuti la polizia locale e l’assessore alla Sicurezza Ivan Giuliani.

La questione freddo è da anni sul tavolo della preside Elisabetta Genchi: «La problematica riscaldamento riguarda la sola ala nuova, il che è certo paradossale. La tipologia di impianto fa sì che la scuola non sia scaldata in modo omogeneo. Ho segnalato all’infinito. Purtroppo non c’è molto da fare, se non rifare l’impianto ex novo. Il divieto di uscire in cortile? Non vogliamo che prendano freddo».

Da Città Metropolitana, titolare dell’edificio, l’assessore all’Edilizia scolastica Roberto Maviglia, a Inzago solo prima di Natale a inaugurare il ripristino di un ascensore nell’ala vecchia della scuola: «Proprio in questi giorni parte un piano per l’efficientamento energetico di tutti gli istituti scolastici della Provincia. Speriamo di risolvere ogni problematica quanto prima».