Gorgonzola (Milano), 28 agosto 2018 - Carambola alla rotonda sulla Cerca, un ciclista di 66 anni è stato investito da un’utilitaria. Trasportato al San Raffaele, non sarebbe fortunatamente in pericolo di vita.

A margine dell’incidente la polemica annosa sulla pericolosità del crocevia: «Abbiamo già chiesto – dicono dalla Polizia locale – qualche miglioramento infrastrutturale agli uffici competenti in Città Metropolitana». L'incidente è avvenuto ieri mattina intorno a mezzogiorno. In mezzo alla rotonda, in direzione Monza, pedalavano in due, il sessanteseienne ferito e un suo amico più anziano, entrambi in forza a un’associazione di ciclismo amatoriale della zona. La dinamica del sinistro è ovviamente riservata, ma una delle ipotesi è che l’utilitaria che ha tamponato la bici, in arrivo da Melzo, sia stata beffata all’obbligo di precedenza. L’urto da dietro è stato violento, una delle ruote della bicicletta è volata a molti metri di distanza, il ciclista, sbalzato in aria, ha violentemente sbattuto faccia e capo a terra. Sul posto i soccorritori, l’elisoccorso ripartito poi senza carico, per i rilievi gli agenti di Polizia locale, che hanno provveduto anche a deviare il traffico su un’altra direttrice per tutto il tempo indispensabile alle operazioni di soccorso e sino al trasporto della vittima in ospedale e alla rimozione dei mezzi.

La rotonda è quella di innesto sulla Cerca all’altezza del supermercato Lidl. «Al di là della dinamica del singolo incidente, si tratta di una rotonda che ha qualche criticità sul fronte sicurezza – dice il comandante della Polizia locale Antonio Pierni –, che era già sotto nostro monitoraggio e sulla quale abbiamo chiesto qualche miglioria da parte degli organismi competenti».