La squadra biancorossa è impegnata in un testa a testa mozzafiato con il Como
La squadra biancorossa è impegnata in un testa a testa mozzafiato con il Como

Mantova, 7 marzo 2019 - Domenica la serie D si ferma e il Mantova potrà godere di un turno di riposo. Una sosta breve, ma quanto mai propizia per una squadra che, oltre a "tirare la carretta" a ritmi molto alti dall'inizio della stagione, è reduce da tre partite in soli sette giorni (Ciserano e Legnago in Campionato con in mezzo il Matelica in Coppa Italia). Tante energie profuse, sia fisiche che mentali, che richiedono una doverosa ricarica, soprattutto in considerazione che le prossime settimane saranno quelle decisive per l'incredibile testa a testa con un Como che non sta sbagliando letteralmente un colpo (tanto da andare a vincere a Pontisola con un uomo in meno).

La volata tra le due nobili rivali promette di risolversi solo all'ultima giornata a maggio, ma, nonostante questo, ogni giornata potrebbe rivelarsi quella determinante, senza dimenticare che le tre partite in programma a marzo si presentano fin d'ora quanto mai significative. La ripresa di domenica 17, in effetti, offrirà alle due contendenti un compito più che impegnativo, visto che il Mantova ospiterà la Pro Sesto, la prima squadra capace di battere i biancorossi all'andata, mentre i lariani riceveranno la visita del sempre ostico Seregno. Sulla carta, dunque, impegno più gravoso per la formazione allenata da Massimo Morgia, per una situazione che si capovolgerà la settimana seguente, quando il Como dovrà rendere visita all'ambizioso Rezzato che non vuole più sbagliare sotto la guida di Alberto Gilardino, mentre i virgiliani saranno di scena a Pontisola (dove però gli azzurri si sono imposti solo su rigore).

Marzo, infine, si chiuderà con il match casalingo con il Seregno per il Mantova, mentre i lariani riceveranno la visita di un Darfo, che oltre ad aver fermato sul pari i biancorossi all'andata, è alla ricerca di punti per assicurarsi la salvezza. Un bel programmino attende le due super rivali, dunque, e la sosta di domenica può rivelarsi preziosa per entrambe per ricaricare le batterie e per affrontare il rush finale con il motore a pieni giri.